Le recenti feature addizionali sono già disponibili per gli abbonati o per chi volesse optare per una nuova sottoscrizione. Naturalmente è inclusa anche la possibilità di prova gratuita di 30 giorni per i singoli software, previa la registrazione di un account sul servizio Adobe.

Con il June 2016 CC Update, Adobe ha voluto concentrarsi sulla stabilità delle propria suite grafica, sia raggruppando feature esistenti che introducendo piccole, ma comode, novità. A partire da una profonda integrazione di Adobe Stock e delle Librerie CC in tutti i programmi della suite: introdotto lo scorso anno in modalità standalone, ora il marketplace fotografico e video di Adobe diventa a portata di mano, direttamente nel proprio software preferito.

L'obiettivo è infatti quello di realizzare un "One-Click Workflow”, ovvero concedere la possibilità all'utente di sfogliare, scaricare, integrare nel proprio layout e ricevere la licenza di contenuti con pochi click del mouse. Per le Librerie CC, inoltre, viene introdotto un menu "collaborativo", affinché tutto il proprio gruppo di lavoro possa parteciparvi, tramite la definizione preventiva di permessi di visione e modifica.

Passando ai singoli software della suite, in Photoshop CC viene introdotta una modalità di ritaglio "content-aware”, ovvero sensibile al contenuto. Sarà capitato a molti, sfruttando lo strumento "Taglierina", di ritrovarsi con aree bianche agli angoli o ai lati della propria fotografia. Ora Photoshop riempie automaticamente questi spazi vuoti, ricreando la scena in base al contenuto originale. Particolarmente interessante, inoltre, è l'introduzione di un sistema di riconoscimento automatico dei typeface, anche su formati rasterizzati, come le JPEG.

Illustrator CC si aggiorna con opzioni di esportazione rapide, in multipli formati e risoluzioni, così come anche con una modalità più intuitiva nella gestione degli asset per il mobile. After Effects CC, invece, rende più semplice l'animazione di personaggi con Character Animator nonché si dota di un motore più efficace di rendering audio e video per le anteprime interne al software. Premiere Pro CC, infine, si arricchisce con degli strumenti utili per la realtà virtuale, tra cui la profondità di campo e di visione.

I piani d'abbonamento e i prezzi della Creative Cloud rimangono invariati: dai 12 euro mensili del pacchetto "Fotografia" fino ai 97 di tutte le applicazioni più Adobe Stock.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *