Anche osservando altri rami della cultura open come Wikipedia la situazione non migliora. Stando ad uno studio del 2010 solo il 15% dei contributi proviene da donne.

In un mondo che fortunatamente tende alla completa parità dei sessi, questo squilibrio appare preoccupante. Proprio per questo Valerie Aurora e Mary Gardiner hanno lanciato da meno di un anno The Ada Initiative, un´organizzazione no-profit che prende il nome da Ada Lovelace, ritenuta prima programmatrice in assoluto della storia. Tale organizzazione ha come missione l´abbattimento di ogni barriera tecnologica e di costume con lo scopo di avvicinare le donne alla comunità open.

Inoltre, proprio nei due progetti di punta del panorama Linux, sono presenti spinte per una forte comunità femminile: Debian Women e Ubuntu Women infatti sono due gruppi i quali si prepongono l´obiettivo del coinvolgimento di un numero sempre maggiore di donne nei rispettivi progetti, per ogni tipo di ruolo.

Speriamo quindi che il 2012 informatico sia un anno un po´ più libero e anche un po´ più rosa.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *