A questo proposito, oggi vogliamo proporvi una piccola analisi di mercato dedicata ai software developer e svolta da Brent Marinaccio di Glacier Technologies. Secondo le statistiche da lui elaborate il linguaggio attualmente più gettonato nel settore IT è Java che in questi 15 anni è diventato uno dei punti di riferimento per il mondo open source (e non solo).

Stando alle statistiche più recenti, negli USA un'azienda su 3 richiede ai propri sviluppatori una conoscenza approfondita di Java. Non è un dato che deve suscitare sorpresa, soprattutto in considerazione del fatto che l'intero ecosistema di applicazioni Android (ovvero più dell'80% del mercato dei device mobile) si basa su questo linguaggio.

Se invece ci spostiamo su C e C++, allora possiamo trovare almeno un'azienda su 4 che che richiede developer preparati in questi linguaggi. C e C++ vengono utilizzati in genere per realizzare applicazioni molto complesse o tool di sistema; diversi software appartenenti all'ecosistema Linux (compreso il kernel) sono realizzati quasi interamente utilizzando C e C++.

Spostandoci invece sul mondo Web possiamo possiamo osservare il lento declino di PHP, si stima infatti che nel 2017 la richiesta di applicazioni e developer PHP sia calata di un buon 30%. Questo perché il mercato si è spostato su richieste orientate a Javascript, quest'ultimo rimane in particolare il più richiesto all'interno delle aziende che realizzano applicazioni Web.

Via Linuxcareer

3 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Come si può tralasciare python? Nel mondo dell'IOT e intelligenza artificiale la fa da padrone. Java lo vedo molto in declino.

Aldo
Aldo

Analisi un po' superficiale: è in declino, per il momento, la richiesta di app web tradizionali e di conseguenza java, php e tutti i linguaggi serverside, java è coperto solo da un temporaneo effetto scia dato da android che può finire da un'anno all'altro(kotlin?) come è successo a objective-c. Nel medio e lungo periodo, quello che interessa per il nostro investimento, non c'è niente di sicuro, neanche javascript che avrà concorrenza da wasm e linguaggi cross compiled. Il destino di c/c++ è fuori dal web e dallo sviluppo applicazioni e se il developer non lo ha appreso al tempo che fu, mi pare un investimento piuttosto rischioso oggi. L'analisi è relativa al mercato americano, che è ben diverso da quello italiano. Il developer dovrebbe investire nei fondamentali della programmazione e della gestione del ciclo di sviluppo perché ritengo, che sia java o qualcos'altro, nel futuro come in passato saranno richieste figure che comprendono e padroneggiano questi aspetti.

devsmt@gmail.com
devsmt@gmail.com

Ovviamente se vuoi finire in un mercato saturato di programmatori web sottopagati. C e C++ sono più settoriali ultimamente, ma sembra siano anche meglio retribuiti.

JaK
JaK