Non si tratta di una novità inattesa, la roadmap iniziale del progetto è infatti arrivata alla stampa nel corso della Debconf 17, l'annuale meeting della community di sviluppatori Debian, che si è tenuto ad agosto 2017 presso Montréal, in Canada.

L'obbiettivo del team di Google è quello di una transizione graduale e ben strutturata. La procedura è stata avviata durante questa settimana e vedrà l'azienda californiana abbandonare l'Ubuntu Advantage Program per abbracciare la community Debian, diventando un contributor in piena regola.

Se necessario saranno inviate anche della patch in upstream, collaborando quindi con il team della distribuzione universale per risolvere bug di sicurezza o, magari, per introdurre nuovi pacchetti e funzionalità.

Big G si è dunque svincolata da un accordo commerciale con Canonical, rendendosi più autonoma da questo punto di vista. Del resto le risorse dell'azienda statunitense le permettono di affrontare questa operazione senza particolari problemi, anche se tale scelta rappresenta una grossa perdita per il gruppo fondato da Mark Shuttleworth che, comunque, rimane un partner commerciale importante per migliaia di azienda sparse in tutto il Mondo.

Debian è già stata adottata da una buona parte di progetti open source, viene ad esempio utilizzata dalla Raspberry Pi Foundation come sistema consigliato per le proprie single board ARM. La scelta di Google non è ovviamente stata frutto del caso, probabilmente è stata invece ponderata osservando il successo della distribuzione nella community del software libero e aperto nonché negli ambienti aziendali che basano i propri processi di business su di essa.

Via The Inquirer

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *