Per chi ha ad esempio bisogno di una dotazione di storage più elevata, anche se non esattamente di alto profilo, Western Digital ha realizzato un hard disk basato su tecnologia magnetica chiamato PiDrive; il costo di questa componente è particolarmente contenuto, in pieno stile Raspberry, e le caratteristiche tecniche sono state ottimizzate per il funzionamento con la board di sviluppo basata su SoC ARM.

PiDrive ha un prezzo introduttivo di 31.42 dollari (che diventerà in seguito di 45.81 dollari) e offre 314 Gigabyte di storage magnetico, si tratta in sostanza di un drive basato sulla linea “Blue” degli HDD da 3 pollici e mezzo che Western Digital commercializza per i computer desktop e laptop economici o di medio profilo.

L’interfaccia SATA è stata ovviamente sostituita da una porta USB, mentre la circuiteria interna del disco è stata modificata così da ridurre il carico energetico su Raspberry Pi garantendo, nel contempo, un trasferimento dei dati capace di saturare il collegamento seriale con la board.

Facilitato anche l’utilizzo di diversi sistemi operativi sullo stesso disco tramite un apposito boot loader chiamato “BerryBoot”.

Via | Ars Technica

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *