Se l'ispirazione del framework MVC sotto il cofano è comune (in particolare il databinding e le computed properties), il livello di presentazione diverge notevolmente: Sproutcore che è a tutti gli effetti una libreria di widget in stile applicazione nativa e Ember.js che invece usa direttamente HTML e css per creare l’interfaccia.

Questo evidente cambio di filosofia rispetto a Sproutcore 1.x, ha reso necessario prendere la nuova versione e renderla un progetto indipendente che per evitare confusione tra i due rinominandola Ember.js.

La riorganizzazione dei progetti ha anche dato modo a Sproutcore di rinnovare il processo per contribuire alla libreria, eliminando il team core per affidarsi a un modello reviewer/committer e cambiando la leadership dal fondatore Charles Jolley a Tyler Keating.

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

[...] Ecco quindi che, tra gli altri, hanno cominciato a farsi largo anche lato client veri e propri framework più o meno completi come Ember.js, Enyo e Backbone.js. [...]

Backbone.js: un “libro” open per imparare il framework MVC client side | Edit - Il blog di HTML.it
Backbone.js: un “libro” open per imparare il framework MVC client side | Edit - Il blog di HTML.it