Flash Player sta vivendo un lento declino iniziato nel 2010, quando Apple decise di terminare il supporto su tutti i suoi device. Nel 2016 si fece un altro importante passo in avanti per accelerare l'abbandono di Flash Player grazie a Google che decise di non abilitarlo più di default, scegliendo di implementare come riproduttore dei contenuti multimediali il suo player in HTML5 già da tempo disponibile su YouTube.

Le ragioni di tale pensionamento sono molteplici, dalle ovvie motivazioni di carattere tecnico, è una tecnologia ormai inadeguata per le attuali esigenze, a quelle di sicurezza. Flash Player infatti, presenta sovente delle vulnerabilità, anche molto gravi, non sempre rimosse con celerità da Adobe.

Tuttavia è ancora possibile incontrare contenuti in Flash sul web, ecco perché la community open source ha deciso di continuare a sviluppare e a supportare player di terze parti che riescono a riprodurre contenuti multimediali in formato SWF. Oggi ve ne presenteremo 2 ovvero Lightspark e GNU Gnash.

Lightspark

Lightspark ha avuto una forte accelerazione nel suo sviluppo quando Adobe annunciò ufficialmente la roadmap per la dismissione di Flash Player. I suoi developer hanno implementato correttamente circa il 60% delle API di Flash e hanno lavorato per offrire un supporto corretto ai principali siti web che ancora oggi ne fanno un largo uso. Lightspark è realizzato in C++/C e viene rilasciato sotto licenza LGPLv3. Attualmente ha ben 41 contributori attivi sul suo repository di Github.

Per installarlo è consigliato compilare direttamente il sorgente scaricabile da qui:

unzip lightspark-0.8.1.zip
cd lightspark
mkdir obj
cd obj
cmake -DCMAKE_BUILD_TYPE=Release ..
make
sudo make install

GNU Gnash è manutenuto direttamente dal progetto GNU e ha diversi sviluppatori che lo migliorano versione dopo versione. Tuttavia non è ancora capace di leggere i file Flash più "recenti". Supporta i file SWF v7/8/9, manca però ancora la decodifica dei file SWF v10.

Può essere installato sia come lettore nel sistema che come plugin per Firefox. Viene distribuito sotto licenza GPLv3 ed è disponibile attualmente in forma di beta release. Ad oggi GNU Gnash si trova nei repository delle principali distribuzioni Linux e, ad esempio su Ubuntu, basta usare APT per installarlo:

sudo apt-get install gnash
CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *