Lo sviluppatore di Grive ha già annunciato che tale client è solo provvisorio, in attesa di quello ufficiale, ma lo stato di avanzamento lavori è già abbastanza avanzato; il funzionamento è piuttosto semplice. Una volta installato il client, basta eseguirlo nella cartella in cui si vogliono sincronizzare i file. La prima volta avremo bisogno di eseguirlo con un´opzione:

grive -a

Per ottenere l´accesso a Google Drive e poter autorizzare il client.

Per i successivi avvii l´opzione -a sarà superflua: il client, appena partito, sincronizzerà i file di Google Drive nella nostra present working directory locale.

Purtroppo per la maggior parte degli utenti avrà qualche problema nell´installazione: è disponibile un pacchetto 32 bit per Ubuntu e Debian; gli utenti Fedora 64 bit dispongono dei binari "ufficiali" prodotti dallo sviluppatore. Per Arch Linux è stato creato il PKGBUILD su AUR, contestualmente. Tutti gli altri avranno bisogno di compilare il tarball presente sulla pagina di download.

Download Grive

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *