Sono molti gli elementi che potrebbero suggerire la necessità di un refresh del proprio sito web, anche se l'urgenza dipende anche dai propri scopi. Una semplice pagina informativa, senza nessun servizio o funzione interattiva, può contare naturalmente su un ciclo di vita ben più esteso rispetto ad altre. Di seguito, qualche consiglio.

Nessuna compatibilità mobile

La navigazione tramite smartphone e tablet è in netta ascesa e, ormai da qualche tempo, sta sostituendo la classica fruizione tramite desktop. Per questo motivo, se si vuole rimanere al passo con i tempi, è importante accertarsi che il proprio sito risulti mobile friendly.

Si tratti della progettazione di una versione appositamente pensata per il mobile, o di un più comodo design responsive, il risultato non cambia: l'assenza sui dispositivi da taschino comporta immediata invisibilità.

Di conseguenza, qualora il proprio portale fosse sprovvisto di strumenti idonei alla visualizzazione sui piccoli schermi, dovrà essere necessariamente aggiornato.

Estetica caotica e vetusta

Non capita di rado, soprattutto a piccole realtà imprenditoriali online da diversi anni, di trovarsi di fronte a siti web caotici, dall'estetica inconsistente, magari realizzati in fretta e furia sfruttando qualche rudimento di HTML.

L'era del fai da te, quando tutti erano soliti improvvisarsi web designer, è fortunatamente finita: l'utente pretende un'esperienza d'uso appagante, anche dal punto di vista visivo, nonché un look il più possibile professionale.

D'altronde, un sito web amatoriale non farà altro che trasferire tale improvvisazione anche sul prodotto o il servizio che si desidera promuovere, con effetti devastanti per il proprio business.

Tempi di caricamento

Tra le caratteristiche fondamentali di un sito web di successo, l'ottimizzazione dei tempi di caricamento è un requisito irrinunciabile. L'attenzione del navigatore deve essere catturata in pochi secondi e, naturalmente, l'attesa porta l'utente su altri lidi.

Non è insolito ritrovarsi di fronte a splash screen e icone di loading, strumenti assai comuni negli anni passati, soprattutto data l'onnipresenza di Flash giusto qualche anno fa.

È quindi consigliato prevedere un accesso veloce e immediato, che porti direttamente ai contenuti cercati dall'utente, anche ottimizzando la pagina in termini grafici, con la scelta di immagini mediamente leggere e sostituendo, dove possibile, lo scalabile vettoriale in sostituzione degli altri formati immagine più classici.

SEO e social media

La SEO è fondamentale per un sito web, soprattutto per riuscire ad emergere dal marasma indifferenziato proposto dai motori di ricerca. L'applicazione di alcune regole SEO di base, affrontate con l'aiuto di un esperto, permetterà di migliorare il posizionamento, una conquista non da poco, per garantire visibilità al proprio business.

Allo stesso tempo, è doveroso integrare anche il supporto ai principali social media - quantomeno a Facebook e Twitter - per offrire forme d'interazione più ampie rispetto alle ormai vetuste mail e al "giurassico" telefono.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *