Parte consistente dell'archivio stock di Getty Images, ben 35 milioni di immagini, è da oggi gratuito. Sì, niente più watermarking né abbonamenti dai costi stratosferici: per condividere una fotografia sui social network o su siti personali basterà un click. Con riserva, però: il servizio funziona solamente tramite codice embed e, senza troppe sorprese, non può essere utilizzato a scopo commerciale. (more...)

Continua a leggere Getty Images: 35 milioni di foto gratuite da oggi

Categoria: Grafica

Il quadro emerso dall'evento "Fare business con i Social Network" organizzato presso la sede di SDA Bocconi con l'importante apporto di Facebook è chiaro. I social network crescono a ritmo vertiginoso, con un decente studio di Nielsen che vede Internet come secondo media subito dopo la TV. La differenza è ancora importante - 19% contro 51% - ma il trend appare inarrestabile. Ma l'evento milanese è servito per divulgare un concetto importantissimo: i Social Media, con Facebook in primo piano, rappresentano un importantissimo fattore di spinta per la crescita del business. Il Vice President EMEA di Facebook, Nicola Mendelsohn, ha aperto i lavori della giornata esponendo un chiaramente l'idea: il mondo Social offre sfide e opportunità per le aziende del nostro Paese che vogliono essere sempre più competitive, dentro e fuori i nostri confini. La strategia da seguire, a detta di Mendelsohn, è semplice e chiara: cavalcare l'onda del mobile insieme a quella del social e di Facebook, quest'ultimo forte di 276 milioni d'utenti nel continente europeo. La strategia delle aziende Le aziende devono essere protagoniste e non lasciarsi schiacciare dall'esplosione del fenomeno, imparando rapidamente a sfruttare le potenzialità di raggiungere un target elevato per numeri, con profili di qualità ed esteso oltre il nostro Paese. Il gap tecnologico e sociale che abbiamo rispetto a nazioni europee più dinamiche e moderne può essere visto in positivo, con una forte crescita prevista nei prossimi anni. Nel dettaglio, Facebook ha importanti frecce al suo arco: aiuta a raggiungere un pubblico qualificato, incrementando al tempo stesso engagement e ROI, oltre a influenzare le vendite e migliorare l'efficacia del marketing e la soddisfazione dei propri clienti. Luca Colombo, Country Manager di Facebook Italia, ha dichiarato a proposito: "La nostra mission è di supportare la crescita e lo sviluppo del tessuto imprenditoriale italiano attraverso la piattaforma al fine di sostenere la competitività delle aziende e promuovere le eccellenze che da sempre contraddistinguono il nostro Paese. Il valore di Facebook come partner strategico per il Sistema Paese risiede, infatti, nella sua capacità di evolvere velocemente, anticipando bisogni emergenti e rispondendo alle esigenze del mercato, grazie a una conoscenza profonda dei trend in atto che consente di gestire in modo efficace e rilevante la relazione tra brand e utente. L'evoluzione verso modelli di business più avanzati è in particolare trainata da un incremento dell'accesso da mobile che vede 16 milioni di utenti italiani attivi mensilmente sul social network e 10 milioni che si collegano da mobile al giorno - un numero che solo l'anno scorso rappresentava l'utenza attiva al mese - un dato assolutamente rilevante per l'Italia e in linea con il resto dell'Europa e che ci aspettiamo continuerà a crescere". L'impatto del mobile La ricerca Nielsen ha illustrato anche il grandissimo impatto del Mobile negli ultimi dieci anni: ha contribuito a trasformare le abitudini dei consumatori, delle aziende e dei media, cambiando anche la relazione tra acquirenti e brand. Aumentando il numero dei "punti di contatto" tra aziende e consumatori, cresce anche la mole dei dati da gestire che, se fatta nel modo corretto, può portare alla conoscenza profonda dei reali interessi degli utenti finali, anticipando trend e bisogni, e così ottimizzando gli investimenti e fidelizzando i consumatori. Roberto Pedretti, Country Manager di Nielsen Italia, ha manifestato così il suo pensiero: "L'esplosione delle piattaforme social e dei device che si è registrata nell'ultima decade ha cambiato modalità di interazione e abitudini in tutto il mondo, offrendo la possibilità di essere connessi sempre e ovunque e di accedere a Internet da più dispositivi per necessità differenti. In questa evoluzione, l'Italia rappresenta un paese all'avanguardia con una penetrazione di smartphone pari al 62% della popolazione italiana e una crescita costante della disponibilità di accesso a Internet da diversi device pari al 35% da smartphone e 160% da tablet. L'evoluzione cui stiamo assistendo permea oggi anche nelle aree geografiche e community di persone meno avanzate come il Sud e le isole con un incremento del 40%, la classe operaia con un aumento del 49% e i pensionati del 64%. Stimiamo che nel 2014 queste cifre aumenteranno ulteriormente, raggiungendo a livello globale 1,4 miliardi di smartphone e 400 milioni di tablet". Potenziale inespresso Il potenziale espresso dal Social e dal Mobile non è ancora ben compreso nel nostro Paese, con le aziende - dalle PMI alle grandi organizzazioni - che devono capire quanto il connubio tra i due mondi sia potente e in grado di influenzare in modo positivo sia la valutazione del brand sia il legame con l'utente finale, trasformandosi in grandi vantaggi per gli affari. SDA Bocconi è convinta di questo, del fatto che il passaparola positivo e il coinvolgimento dei consumatori in iniziative di marketing dedicate al mondo Social, sino ad arrivare a veri processi di crowdsourcing, possano spingere a un aumento importante delle vendite. Emanuela Prandelli, Professore Associato del Dipartimento di Management e Tecnologia dell'Università Bocconi e della SDA Bocconi School o Management, ha puntualizzato: "Il social può avere una dimensione di ritorni più indiretti, spesso oggi ancora poco esplorata dalle aziende in Italia. Social CRM e Big Data possono, infatti, offrire una conoscenza di passioni, interessi, prodotti amati e brand preferiti dagli utenti inimmaginabile in passato e in grado di incidere significativamente sull'efficacia delle iniziative di marketing". I partecipanti italiani L'evento ha coinvolto direttamente anche autorevoli CEO e CMO del panorama italiano, che hanno raccontato esperienze e strategie di business in faccia a faccia con gli esponenti di SDA Bocconi, Facebook e Nielsen, o in tavole rotonde dedicate ai vari aspetti che ruotano al mondo Social, con Mobile e Big Data in primo piano. Sono intervenuti Giuseppe Caiazza CEO Saatchi & Saatchi Italy, Luca Vergani CEO MEC, Isabelle Harvie-Watt CEO & Country Manager Havas Media Group Italy, Vittorio Bonori CEO, Zenith Optimedia Italia, Marco Girelli CEO Omnicom Media Group Italia, Matteo Sarzana General Manager VML. Tra i responsabili marketing sono invece intervenuti importanti rappresentanti di aziende leader in Italia tra cui Valentina Visconti Country Manager Italia Privalia, Andrea Guanci Marketing Director Italia MSC Crociere, Carlo Carollo Sales & Marketing Director Samsung Electronics, Paolo Lorenzoni VP Marketing & Digital, Discovery, Walter Scieghi Head of Marketing & Consumer Communication Nestlé Italia e Fabrizio Paschina Head of Advertising and Web Banca Intesa.

Continua a leggere Fare business con i Social Network, resoconto dell’evento

Categoria: Web Marketing

Google+, il social network creato da Big, continua ad arrancare. Nonostante le numerose iniziative dell'azienda di Mountain View per attrarre utenza, i concorrenti continuano a mietere numeri incredibilmente più alti. E anche chi nel mondo dei social si è affermato relativamente da poco, come nel caso di Pinterest, ottiene performance maggiori. È quando emerge dall'annuale ricerca condotta da Shareaholic, il Social Media Traffic Report, su traffico e referral. (more...)

Continua a leggere Google+ battuto da Facebook, Twitter e Pinterest sui referral

Categoria: Motori di ricerca

Non è la prima volta che Facebook, il più grande social network al mondo, viene raggiunto da ordinanze giudiziarie. Dopo la circolazione di alcuni voci secondo cui il cofondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, copià da altri l'idea di Facebook, salta fuori un cittadino newyorkese, Paul Ceglia, che sostiene di aver diritto a qualcosa come l'84% di quote di proprietà  del famoso social network. Ceglia sostiene di essere in possesso di un contratto firmato per la progettazione e l'implementazione del sito web. Sostiene inoltre che i termini del contratto erano ben chiari: aveva diritto non solo ad un compenso, ma anche ad una percentuale giornaliera fino a quando il sito non sarebbe stato ultimato (secondo i calcoli risulta appunto che tale percentuale sia pari all'84% della società ). (more...)

Continua a leggere Facebook cambierà  proprietario?

Categoria: Eventi e segnalazioni

Griffe e alta moda: lo sbarco sul web sembra ormai cosa fatta e consolidata. Molto interessante l'articolo sul Sole 24 Ore, con una carrellata delle strategie in corso da parte dei marchi più noti. Da un Gucci che "ha lanciato un social microsite dedicato agli occhiali da sole per i più giovani a 165 euro" con la partecipazione dell'onnipresente Aston Kutcher, ad un Armani che ha lanciato una "piattaforma mobile per l'e-commerce tramite iPhone, Android e Blackberry" fino ad un Burberry che crea una " piattaforma digitale artofthetrench, un social network su cui tutti i possessori dell'iconico impermeabile possono caricare le proprie foto e votare quelle degli altri". (more...)

Continua a leggere Quando le griffe vanno online

Categoria: Web Marketing

Credo che ciascuno di noi abbia qualche volta fantasticato sul software che non c'è e che invece vorrebbe avere sotto mano ogni giorno. Beh, è quello che ho pensato leggendo la presentazione sul blog dei Mozilla Labs del progetto Raindrop. Curato dal team di sviluppo di Thunderbird, Raindrop intende proporsi come una rivisitazione estrema della classica in-box dei programmi di posta elettronica. Di fatto un centro unificato per la gestione di conversazioni e messaggi provenienti ormai non solo dalla cara vecchia e-mail, ma distribuiti su una miriade di piattaforme, a partire dai social network: Per molti di noi significa dover controllare un numero sempre maggiori di posti in cui potremmo aver ricevuto nuovi messaggi. Il risultato è che non sappiamo mai di aver processato tutti i messaggi importanti, perché la nostra e-mail è sovraccaricata dal rumore prodotto da messaggi e informazioni che oscurano i messaggi reali provenienti da persone reali. Gli screenshot e i video incorporati nel post di presentazione sono molto utili per comprendere il livello della sfida nel realizzare un'interfaccia adeguata allo scopo che un'applicazione come Raindrop intende perseguire. Al momento non sono disponibili installer ufficiali per poter testare quello che è ancora un semplice prototipo, ma i più avventurosi potranno seguire le istruzioni presenti su questa pagina per farsi una prima idea.

Continua a leggere Mozilla Raindrop

Categoria: Software e Servizi

Magari puntava ad essere il social network numero uno ma con il boom di Facebook lo scenario è drasticamente cambiato: MySpace non sta conoscendo i suoi giorni migliori. I rumors danno l'azienda intenta a valutare il taglio di varie sedi in Europa - in particolare Roma, Parigi, Madrid - e nella stessa San Francisco (fonte: paidContent.org), con conseguente perdita di numerosi posti di lavoro. (more...)

Continua a leggere Se MySpace puntasse tutto sulla musica?

Categoria: Web Marketing

Nonostante le interessanti potenzialità , i social network non sono ancora stati in grado di convincere gli inserzionisti a investire "seriamente" su di loro. Ed è lecito chiedersi se si tratta solo di questione di tempo oppure se, strutturalmente, Facebook & co non siano proprio in grado di diventare strumento di advertising. E proprio Facebook riguardano le ultime cifre che segnalano, per il 2008, un - 20,8% rispetto alle previsioni di spesa (210 milioni contro 265): per l'anno in corso le proiezioni vedono un ulteriore calo. Possiamo quindi concludere che la pubblicità  sui social network non diventerà  mai fenomeno rilevante? Non ne sono convinto. Ora come ora l'advertising 2.0 non funziona con grandi performance ma, sospetto, è soprattutto un problema di modalità . Si stanno replicando i modelli utilizzati finora: probabilmente non basta. àˆ lecito pensare che i social network richiedano "linguaggi" differenti: quali? Ragionamoci insieme.

Continua a leggere Social network e pubblicità : un incontro difficile

Categoria: Web Marketing

Ne abbiamo già  parlato in questo post, ma questa notizia e questa notizia hanno recentemente riportato Facebook al primo posto nella chart dei post da scrivere. (more...)

Continua a leggere Facebook Wants You… ma chi vuole Facebook?

Categoria: Software e Servizi

La notizia da cui prendo spunto non riguarda un'azienda come tante: parliamo del New York Times. E l'idea è decisamente interessante: crearsi un social network dedicato. Senza appoggiarsi a realtà  già  esistenti, il NYT ha scelto di aprire uno spazio proprio, chiamato TimesPeople, con lo scopo di: Follow friends, co-workers, journalists and other Times readers. Discover and share articles, blog posts, multimedia and reader comments. (more...)

Continua a leggere Un social network ad immagine e somiglianza

Categoria: Web Marketing