JavaFX 1.3

3 Maggio

Il recente update di NetBeans va a braccetto con quello di JavaFX, piattaforma per lo sviluppo di RIA creata da Sun poco più di un annetto fa e appena aggiornata alla versione 1.3. Tra le novità  più interessanti: nuovi controlli grafici; rinnovato supporto CSS (qui una pratica introduzione); supporto sperimentale al 3D; emulatore TV in ambiente Windows ed uno mobile per Windows e Mac; nuovo font di default, Amble, per una resa visiva del testo omogenea e multipiattaforma; nuovo composer, l'editor visuale per la creazione di interfacce grafiche; maggiori funzionalità  per la Production Suite, una serie di plugin per la famiglia di prodotti Adobe Creative Suite (solo per Windows e Linux, coerentemente con la disponibilità  della Adobe CS); più i poco appariscenti, ma sempre graditi, miglioramenti ed ottimizzazioni relativi a velocità  e gestione della memoria. (more...)

Continua a leggere JavaFX 1.3

Categoria: Java

Con l'avvento delle RIA (Rich Internet Applications) e di pagine sempre più ricche di widget, contenuti dinamici e interazioni complesse, è fatale che si ponesse all'attenzione degli sviluppatori la necessità  di approntare meccanismi in grado di assicurarne l'accessibilità  e la fruibilità  a tutti gli utenti. Il W3C ha così da tempo messo mano ad una specifica ad hoc denominata Accessible Rich Internet Applications (WAI-ARIA) attualmente giunta allo stato di Last Call Working Draft e accompagnata da altri importanti documenti come le WAI-ARIA Best Practices. Più che mai cruciale nel contesto di applicazioni ricche e dinamiche è, ad esempio, la gestione dell'accesso da tastiera alle varie funzionalità  presenti sulla pagina. Proprio qualche giorno fa mi sono imbattuto in un articolo apparso su YUI Blog che offre una bella panoramica degli approcci suggeriti dalla specifica e dalle best practices ARIA per la gestione del focus e della navigazione da tastiera. Ieri invece Ajaxian segnalava una libreria, QFocuser, che consente di risolvere in modo ottimale la maggior parte dei problemi segnalati nell'articolo. àˆ disponibile anche una demo.

Continua a leggere QFocuser, una libreria per rendere più accessibili le RIA

Categoria: Web Design

Designing Web Interfaces è uno degli ultimi titoli usciti per i tipi di O'Reilly. Affronta in particolare il tema dell'interaction design nell'epoca delle interfacce ricche e dinamiche spesso riunite sotto l'etichetta RIA. Come consueto di questi tempi, gli autori (Bill Scott e Theresa Neil), stanno promuovendo la loro fatica attraverso un sito di accompagnamento corredato di immancabile blog. Proprio la Neil ha qualche giorno fa proposto la lista dei suoi 30 controlli essenziali, una sorta di cassetto degli attrezzi a cui attingere nelle fasi di progettazione e che contiene soluzioni per le più comuni interazioni con l'utente (grafici, box di dialogo modali, pannelli a comparsa/accordion, calendari, etc). Per ognuno vengono spesso forniti i link alle soluzioni create con i vari framework Javascript. Voi vi siete creati la vostra lista di controlli essenziali?

Continua a leggere La lista dei controlli

Categoria: Web Design

Tags: ,

Non si parla di soldi. L'aggettivo ricca è qui riferito al corrispettivo inglese usato nell'acronimo RIA: Rich Internet Applications. Per intenderci, quelle "che hanno le caratteristiche e le funzionalità  delle tradizionali applicazioni desktop" (fonte Wikipedia) ma sono fruite tramite un browser web.Di RIA si potrebbe in questi giorni parlare a partire da una polemica sollevata da Robert O'Callahan a proposito del progetto Moonlight (l'implementazione di Silverlight per sistemi Linux basata su Mono).Il post di O'Callahan, al solito molto polemico nei confronti di Microsoft, chiama in causa direttamente Miguel de Icaza, lo sviluppatore che guida con passione entrambi i progetti. E l'accusa è di quelle insidiose, specie in certi ambienti e contesti: con Moonlight stai facendo il gioco di Microsoft, aiutandola ad entrare in un mercato in cui non è presente, di fatto assecondando, anche se solo in parte, la sua volontà  di dominare con Silverlight l'internet che verrà  e non facendo il bene del software libero. (more...)

Continua a leggere Ma c’é davvero bisogno di una internet più ‘ricca’?

Categoria: Web Design

Non è certo un metodo scientifico quello di valutare il successo di questa o quella tecnologia sulla base delle inserzioni di lavoro (peraltro aggregate da un solo sito, seppure affidabile come Indeed.com), ma qualche interessante considerazione può venir fuori comunque.Tra i servizi che offre Indeed c'è anche Job Trends: basta inserire una o più parole chiave relative a linguaggi o tecnologie per ottenere dei grafici comparativi e in grado di visualizzare l'andamento nel tempo in fatto di richieste di lavoro. Ryan Stewart di ZDNet ha fatto un po' di confronti rispetto a cià che accade nell'ambito delle tecnologie legate alle RIA (Rich Internet Applications). (more...)

Continua a leggere RIA: cosa tira di più nel mercato del lavoro americano

Categoria: Lavoro

Tags: ,

No, non quella triade... Si parla di HTML, CSS e Javascript e del loro ruolo nella costruzione del web presente e futuro. Ovvero: ce l'hanno un futuro, con tutti i limiti che sappiamo, in un contesto segnato da tonnellate di hype intorno alle Rich Internet Application e alle soluzioni tecniche ad esse legate?Per quelli di 37Signals la risposta è sì (cosa del resto coerente con i prodotti di successo che continuano a sfornare).Sintesi finale (mia) dell'intervento che lascio alle vostre considerazioni: se ancora non abbiamo imparato a guidare la 500 nel cortile di casa, perché tutta questa fretta di andare in giro con la Ducati sull'autostrada?

Continua a leggere La triade é ancora viva e vegeta…

Categoria: Web Design

Tags: , , ,

Si aggiunge alle risorse di stock photo citate tempo fa qui sul blog il recentissimo PicFindr, un meta-motore di ricerca per immagini di stock photography totalmente free. àˆ in fase di sviluppo, e per ora ricerca tra MorgueFile, Stock.xchng e Image After. (more...)

Continua a leggere PicFindr, stock photo in chiave Web 2.0

Categoria: Software e Servizi

Ogni tanto avvisto nella blogosfera belle discussioni di scenario. L'ultima è quella nata a partire da un post di Ted Leung con un titolo che non poteva non attirare l'attenzione: Adobe wants to be the new Microsoft of the Web. Sintetizzo i passaggi più importanti.In realtà  il discorso non verte direttamente su Adobe, ma parte da un assunto di base più generale: il futuro sarà  sempre più fatto di Rich Internet Applications. E qual è oggi la scelta più in voga per lo sviluppo di questo tipo di applicazioni? Ajax.Nella prospettiva di Leung, però, Ajax presenta due problemi: se si va oltre semplici ed accattivanti effetti di animazione e si vuole costruire qualcosa di appena più sostanzioso, lo sviluppo in un'ottica cross platform può diventare un incubo (più browser per ogni piattaforma e se non bastasse più e differenti versioni dello stesso browser); performance di Javascript. I vantaggi di Ajax? Uno su tutti: non appartiene a nessuno, non c'è nessun singolo protagonista del mercato che può da solo controllare il set di diverse tecnologie che compone il mosaico. Sempre secondo Leung ci sono solo due possibili alternative. (more...)

Continua a leggere La piattaforma RIA ideale per il dopo Ajax

Categoria: Software e Servizi

Di Apollo, la nuova tecnologia targata Adobe che promette di portare sul desktop il concetto di Rich Internet Application, sentiremo sicuramente parlare molto nel corso di questo 2007. Per quanti avessero difficoltà  con l'inglese c'è ora una risorsa tutta in italiano. Marco Casario ha tradotto nelle nostra lingua le F.A.Q ufficiali presenti su Adobe Labs. Buona lettura.Apollo: Rich Internet Application sul desktop.

Continua a leggere Le F.A.Q su Adobe Apollo in italiano

Categoria: Adobe World

Tags: , ,