Il successo di un sito web si decreta in solo 8 secondi, pronti a ridursi a 6 se si considerano anche i tempi di caricamento della pagina. Sono questi i risultati di una ricerca, commissionata da Microsoft e condotta lo scorso anno in Canada, sulle capacità d'attenzione dell'utente medio della Rete. (more...)

Continua a leggere Progettazione: come catturare l’attenzione dell’utente

Categoria: Web Design

Tags: , ,

Vi segnalo questo interessante post di Ian Barder su Ibuildings.co.uk, che personalmente ho stampato e incorniciato, perché riassume quello che dico da anni: «Tu dimmi quello che ti serve e io trovo la soluzione. (Altrimenti questo lavoro diventerà un bagno di sangue.)». I requisiti per un progetto web, ce lo ripetiamo tutti i giorni, sono essenziali e determinano la buona riuscita del lavoro. Eppure molto spesso giungere ad un insieme di requisiti coerenti e utili è molto lungo e doloroso, cosa che allunga i tempi di sviluppo e inflaziona i costi con continui aggiustamenti e revisioni in corso d'opera. I progetti migliori, infatti, sono quelli che hanno una buona vision del risultato finale, che non significa raccogliere abbastanza requisiti, ma raccogliere quelli giusti. (more...)

Continua a leggere Definizione dei requisiti: che fatica!

Categoria: PHP e Open Source

Creare un'applicazione, in fin dei conti, è una questione di scelte. Ci sono sempre svariati modi di fare le cose, diversi approcci, molte tecnologie. Scegliere le migliori componenti e far sì che funzionino insieme è uno dei compiti primari del nostro lavoro, soprattutto in realtà  dove i ruoli di analista, progettista e sviluppatore coincidono o si sovrappongono almeno in parte. Puà sembrare un discorso astratto o tautologico se si pensa alle componenti fondamentali di un sistema LAMP (Linux, Apache, MySQL, PHP), ma assume concretezza quando ci riferiamo ad elementi meno scontati, come il framework di sviluppo, le librerie Javascript, il sistema di caching o di templating, l'ambiente IDE, il sistema di deploy, ecc. Sbagliare la scelta di una di queste componenti può essere disastroso per la riuscita dell'applicazione e per la sua sopravvivenza sul lungo periodo. Mi sono chiesto dunque quali possano essere i criteri per fare delle buone scelte in questa materia e ne ho individuati sei. (more...)

Continua a leggere Come scegliere le componenti di un’applicazione

Categoria: PHP e Open Source

Di Content Management System opensource ce ne sono decine, centinaia, migliaia. Nel corso dell'ultimo paio d'anni ne ho provati circa una decina, realizzati in Java, PHP, web based, con client Windows, spaziando un po' tra quelli che sono considerati i migliori. Di nessuno, però, ho apprezzato l'interfaccia grafica di gestione dei contenuti. Li installo (quasi sempre in un attimo, perché l'installazione è fatta davvero bene), li faccio partire, e subito ho l'impressione che si tratti di un prodotto realizzato da programmatori per programmatori. Schermate complesse, disorganizzate, disomogenee, niente che mi verrebbe da proporre al mio peggior nemico.L'altro giorno ero da un cliente e gli chiedevo come mai avesse preferito una soluzione CMS proprietaria (proprietaria, non sviluppata ad hoc) ad altre opensource che gli erano state presentate a costi inferiori. Non l'ho visto esitare neppure un attimo: per via dell'interfaccia grafica migliore e più ordinata della soluzione proprietaria.Ecco allora che mi spiego come mai, nei casi più semplici, c'è chi pensi di impiegare sistemi di weblogging al posto di complessi sistemi CMS.Il dubbio che mi rimane sempre quando penso a questo è comunque quello di non aver cercato bene, e allora chiedo a voi. Esistono CMS opensource che non richiedono lauree specifiche per pubblicare del contenuto e che magari dispongano di un minimo di workflow? E come vi siete trovati (e, soprattutto, come si sono trovati i vostri utenti)?

Continua a leggere La complessità  dei CMS opensource

Categoria: PHP e Open Source

Ecco, lo so che con questo post mi guadagnerà le antipatie di quei pochi che ancora mi salutavano ma non riesco a farne a meno.Si parla tanto sul Web del libro "Il computer invisibile" di Donald Norman, per alcuni concetti importanti che lo stesso ha diffuso mediante questo ed altri suoi scritti. Il libro, per altro, rientra tra quelli che molti docenti universitari fanno leggere ai propri allievi.Ho iniziato a leggerlo, sono arrivato a metà , ho controllato velocemente il seguito ed ho interrotto, cosa fatta rarissimamente in vita mia (non si arriva ad una mano, contandole). Perché? (more...)

Continua a leggere Il computer invisibile di Donald Norman

Categoria: Grafica