Brendan Eich, il recente CEO di Mozilla contestato per le sue visioni discriminatorie sui diritti degli omosessuali, ha rassegnato le sue dimissioni. È la stessa società a renderlo noto con un comunicato sul blog ufficiale dell'azienda. La nomina lo scorso mese di Eich a CEO di Mozilla ha indispettito l'utenza a livello globale, tanto da provocare furenti campagne di boicottaggio e la presa di posizione pubblica di alcuni big del Web. È il caso di OkCupid, il portale d'incontri più popolare al mondo, che ha formalmente richiesto ai propri utenti di evitare l'utilizzo di Firefox. Il nocciolo della questione le visioni conservative del CEO, il quale in più occasioni pubbliche avrebbe ribadito la sua strenua opposizione al riconoscimento di alcuni diritti per la comunità omosessuale, finanziando anche la campagna per la Proposition 8, la proposta - poi fallita - di vietare i matrimoni gay in California e di rendere nulli quelli già celebrati. (more...)

Continua a leggere Il CEO di Mozilla si dimette

Categoria: Software e Servizi

Tags: ,

Da giorni Mozilla è vittima dei fuochi incrociati del Web. Il motivo della discordia? La scelta di Brendan Eich come nuovo CEO della società, il quale ha più volte ribadito la sua strenua opposizione al riconoscimento di alcuni diritti della comunità omosessuale. E così, dopo un primo boicottaggio mediatico del browser Firefox, oggi si espone la prima azienda: OkCupid consiglia di non usare il browser del panda rosso. (more...)

Continua a leggere OkCupid boicotta Firefox: Mozilla è omofoba

Categoria: Software e Servizi

Tags: ,

David Walsh è uno sviluppatore ed evangelist per la Mozilla Foundation. In quest'intervista gli abbiamo chiesto le sue opinioni sul futuro di JavaScript, dei browser e notizie sul suo lavoro. Secondo te quali sono le prossime novità che possiamo aspettarci in JavaScript dopo i recenti sviluppi nello standard ECMAScript? Credo che potremo essere felici dei nuovi sviluppi ma penso che i framework JavaScript saranno ancora popolari e richiesti. Sono entusiasta dei valori predefiniti degli argomenti delle funzioni, dei Maps e delle altre caratteristiche fornite da ECMAScript, ma dato che sono uno sviluppatore che ha sempre vissuto dal lato client non sono mai troppo entusiasta delle nuove caratteristiche di ECMAScript perché ci vuole molto tempo per implementarle. In generale però sono sempre felice di vedere arrivare queste nuove caratteristiche. (more...)

Continua a leggere Il futuro di JavaScript: intervista a David Walsh

Categoria: Web Standards

La specifica del W3C sui Web Components potrebbe rivelarsi una delle chiavi di accesso allo sviluppo Web del futuro. Sappiamo tuttavia che in un periodo di continue innovazioni e trionfalistici annunci la prudenza è d'obbligo. È comunque un dato di fatto che proprio su queste specifiche stanno lavorando sia Google che Mozilla con due progetti di grande interesse. (more...)

Continua a leggere Polymer e Brick: i Web Components di Google e Mozilla

Categoria: Web Standards

Minion è il nome di una piattaforma creata dagli sviluppatori del Security Automation team della Fondazione Mozilla per promuovere l'esecuzione di test di sicurezza automatizzati a carico delle applicazioni; sostanzialmente essa rappresenta una soluzione grazie alla quale effettuare lo scanning di siti Internet, Web applications e Web service limitando le operazioni basate su procedure manuali. (more...)

Continua a leggere Minion, la security platform di Mozilla

Categoria: Sicurezza

Tags: ,

Un invito al pragmatismo che, se mi consentite, è del tutto condivisibile: "Mozilla, per piacere non uccidere il video HTML5". Così Brian Crescimanno sul suo blog. Lo spunto per questo intervento accorato è dato dalla notizia che anche Microsoft, su IE9, supporterà  l'elemento video di HTML5 attraverso il codec H.264. A questo punto, il codec rappresenta la scelta di Safari (Apple), Chrome (Google) e Internet Explorer (Microsoft). Rimangano legati a Ogg Theora Firefox (Mozilla) e Opera. La sintesi della posizione di Crescimanno è la seguente: vale davvero la pena fare una questione di principio che va a danneggiare alla fine solo l'utente finale? Per coerenza, Mozilla non avrebbe dovuto supportare né Flash (il formato più proprietario che c'è), né, addirittura, il formato GIF, visto che anni fa era gravato da una licenza per l'uso esattamente come H.264 oggi. (more...)

Continua a leggere Mozilla e il video HTML5

Categoria: Web Standards

Tags: , ,

Come era facile prevedere, la notizia della sperimentazione da parte di Google di un YouTube in HTML 5 che fa a meno di Flash, ha suscitato reazioni discordanti. Chi, per un motivo o per l'altro, nutre una sorta di avversione per il formato di Adobe, ha esultato. Hanno esultato pure quanti vedono nella mossa un modo per attirare attenzione sull'erede di HTML 4. Hanno esultato molto meno quanti, andando oltre il markup, hanno valutato la cosa da un altro punto di vista: quello dei formati video. La versione di YouTube in HTML 5, infatti, funziona solo su Safari e Chrome. E non perché Firefox non renda correttamente il tag video, ma perché il browser di Mozilla supporta il formato open Ogg Theora e non il codec H.264 (come Safari e Chrome). Christopher Blizzard ha spiegato in un lungo intervento sul suo blog la posizione di Mozilla, andando a toccare dal suo punto di vista il cuore del problema: la scelta di Google è contraria ai principi stessi dell'open web, in quanto il formato proprietario H.264 non è compatibile in alcun modo con gli standard del royalty free che da sempre hanno caratterizzato la storia e lo sviluppo del WWW. Posizione di principio. Chi voglia usare il codec H.264 deve versare annualmente un costo di licenza pari a 5 milioni di dollari e secondo Mozilla questa è una barriera insopportabile non tanto per il costo in sé, ma perché bloccherebbe l'ingresso sul mercato di player alternativi. Tutto rispettabile, non v'è dubbio. Ma non rischia questo idealismo di minare seriamente l'avanzata di Firefox?

Continua a leggere Se l’idealismo ucciderà  Firefox

Categoria: Web Standards

Tags: , ,

Ricordate Jetpack? Beh, non uso Firefox come browser di default, per cui il mio punto di vista è parzialissimo, ma il fatto che a distanza di sei mesi dal lancio ne abbia risentito parlare solo ieri mi porta a pensare che l'iniziativa non ha generato un successo straordinario (pronto ad essere smentito). Intanto Mozilla ha lanciato la Jetpack Gallery, un repository di questi speciali add-on creati sfruttando la combinazione di HTML, CSS e Javascript. Da quello che posso vedere mi pare di poter confermare l'iniziale impressione: più che un'alternativa alle estensioni canoniche è un'alternativa agli script Greasemonkey. Qualcuno tra voi li usa i Jetpacks?

Continua a leggere Jetpack Gallery

Categoria: Software e Servizi

Mi era sfuggito nei giorni scorsi e ringrazio Francesco Napoletano per avermelo ricordato. Bespin è il nome di un nuovo progetto sfornato dai Mozilla Labs. àˆ un IDE online con cui è possibile creare ed editare file HTML, CSS e Javascript. Il set di funzionalità  è al momento minimale (anteprima nel browser, sintassi evidenziata, undo e redo, importazione ed esportazione di progetti), ma trattandosi di un progetto open source nuove feature vengono continuamente aggiunte grazie ai contributi di terze parti. Per iniziare, il primo passo da compiere è dotarsi di un browser di ultima o ultimissima generazione (io l'ho fatto con Safari 4 e Firefox 3.1) e registrarsi. Una volta entrati nella dashboard e presa confidenza con l'interfaccia, il mio consiglio è di digitare 'help' nella linea di comando in basso per ottenere la lista dei comandi disponibili. Qualcuno lo ha già  provato?

Continua a leggere Bespin, l’IDE online targato Mozilla

Categoria: Software e Servizi

Ad agosto, il laboratorio di Mozilla ha sfornato una novità  che potrebbe cambiare il modo in cui gli utenti navigano ed interagiscono con il browser: Mozilla Ubiquity. Per una serie di motivazioni, Ubiquity non ha attirato subito la mia attenzione, entrando così a far parte della lista delle "attività  da approfondire se e quando ci sarà  tempo o modo". La settimana scorsa, un post sul blog di GitHub ha catturato la mia attenzione spingendomi a provare Ubiquity. Dopo aver visto il post ed il video introduttivo, disponibile anche in italiano, non ho avuto dubbi che l'argomento potesse interessarmi. Mi sono precipitato ad installarlo ed a provare alcune delle funzionalità  built-in, come la possibilità  di ricercare la definizione di un termine dal dizionario semplicemente sottolineandolo ed attivando il comando D. (more...)

Continua a leggere Ubiquity merita almeno una segnalazione

Categoria: Software e Servizi