Da tempo ormai la 'triade' HTML/CSS/Javascript non è più sinonimo di pagine web tradizionali. Si possono mettere a frutto le proprie competenze in altri ambiti, come le applicazioni AIR (documento PDF) o per iPhone. Riguardo alle applicazioni per il melefonino, segnalo che sul sito di O'Reiily è possibile leggere in anteprima e man mano che l'opera viene completata il libro di Jonathan Stark Building iPhone Apps with HTML, CSS, and JavaScript. Trovate interessanti questi mercati alternativi per far rendere anche economicamente le vostre conoscenze?

Continua a leggere La ‘triade’ oltre le pagine web tradizionali

Categoria: Web Standards

Tags: , ,

Addio XHTML

3 Jul

Titolo forte? Ma che espressione usereste per qualcosa che non ha futuro? Con tanto di timbro del W3C. In un documento sotto forma di FAQ apparso ieri sul sito, il Consorzio ha sancito di fatto la fine di XHTML come famiglia di specifiche. Significa che il Working Group XHTML 2 sarà  smantellato a fine anno e che non ci sarà  mai una specifica XHTML 2. Rimarranno in essere e mantenute le specifiche XHTML 1.1, XHTML 1.1 Basic e XHTML Print. XHTML continuerà  però ad esistere, come idea, come concetto, se mi perdonate la semplificazione. La specifica HTML 5, infatti, prevederà  esplicitamente la possibilità  "di una serializzazione XML del linguaggio HTML", ma cià avverrà  nel contesto della specifica stessa.

Continua a leggere Addio XHTML

Categoria: Web Standards

Tags: , ,

Parola di Google. Apparso nei giorni scorsi su Google Code, Let's make the web faster è una raccolta di risorse su metodi e tecniche utili nell'ottimizzazione dei tempi di caricamento delle pagine web. Nel capitolo dedicato ad HTML, si fa riferimento alla HTML 4 DTD e alla facoltà  che concede di omettere la chiusura di certi tag (l'articolo comprende la lista completa). Per esempio: <p>questo è un paragrafo..., senza </p>. Non è solo teoria. Come giustamente viene fatto osservare, la home page di Big G non chiude i tag body e html. E allora? Tutti pronti a trasformarvi in sterminatori di inutili tag di chiusura :) ?

Continua a leggere Il web é più veloce… se non chiudi i tag

Categoria: Web Standards

Tags: ,

Bye bye XHTML

21 Apr

Si stupisce Dave Shea, si stupisce di come un piccolo messaggio su Twitter possa scatenare tante reazioni. E cosa aveva detto il buon Dave di tanto clamoroso? Che da un po' di tempo i siti per i suoi clienti li fa in HTML 4.01 Strict, semantico e valido, avendo così mollato XHTML. Perché? Il ragionamento mi pare non faccia una grinza. Quando tutti abbracciarono XHTML c'era davanti una prospettiva, quella di vivere un giorno in ambiente web fondato su XML. Grande, fantastico, peccato che nel frattempo, continua Shea, questa prospettiva sia praticamente morta. La strada verso XHTML2 non porta da nessuna parte, è un cul-de-sac senza uscita. Non c'è supporto nei browser, non c'è interesse nel settore, e mai ci saranno. Il futuro si chiama HTML5. E XHTML? Dal momento che ho perso la fiducia in XHTML, non ha molto senso continuare a diffonderlo. Amen.

Continua a leggere Bye bye XHTML

Categoria: Web Standards

Tags: ,

Bella domanda vero? I dati, intanto, sembrerebbero inconfutabili. Justin James fa giustamente riferimento ai dati emersi dal report MAMA curato da Opera (di cui vi abbiamo parlato a suo tempo) per trarre le sue sconfortate conclusioni. Il passo successivo è quello di chiedersi il perché. Domanda legittima visto che è ormai difficile credere che chi si metta oggi a scrivere pagine web a livello professionale non abbia almeno sentito parlare di standard e affini. E allora, è questione di ignoranza? àˆ tutta colpa dell'abuso di editor e tool di scarsa o nulla qualità ? àˆ colpa dell'HTML che è troppo semantico? O molti sviluppatori non hanno mai sentito la responsabilità  di aggiornarsi? E se fosse invece tutto da attribuire all'uso improprio di tecnologie lato server? Come si vede, il campo delle ipotesi si suddivide equamente tra due poli: l'uomo e le macchine. Io un'idea ce l'ho, e secondo me il suddetto dualismo non ha ragione di esistere perché tutto pende da un lato ;). Voi che ne pensate?

Continua a leggere Perchà© l’HTML spazzatura é duro a morire?

Categoria: Web Standards

Beh, magari è un po' esagerato definire oscuri tag HTML come fieldset e legend, forse anche abbr e acronym. Ma magari sono io ad essere ottimista... Fatto sta che dando un rapido sguardo ad una lista dei tag HTML, è indubbio che alcuni di essi hanno un utilizzo pressoché nullo, pur avendo una loro specifica e semantica finalità  d'uso. Avete mai usato cose come q, samp, kbd o var, giusto per fare qualche esempio? O pensate che sia roba per maniaci :) ?

Continua a leggere Quegli oscuri tag…

Categoria: Web Standards

Tags: ,

Dopo l'aggiornamento delle sue pagine di riferimento, SitePoint rilascia FireScope, una plugin per FireBug che, in breve, ci permette di visualizzare e ricercare, proprio nelle sue reference, gli elementi HTML, gli attributi e le proprietà  CSS direttamente da FireBug. (more...)

Continua a leggere SitePoint rilascia FireScope per FireBug

Categoria: Software e Servizi

àˆ un dato di fatto: ormai le famose pagine "HTML" composte da puro codice HTML (e CSS) stanno svanendo. Quando si costruisce un'applicazione medio-complessa, l'utilizzo di una tecnologia server-side (vedi PHP e ASP) è d'obbligo (a meno che il programmatore o il team di sviluppo non vogliano passare dai 20 ai 30 anni sullo stesso progetto) sia per la quantità  e la qualità  degli strumenti indispensabili messi a disposizione sia per ovvie questioni pratiche. L'avvento di Javascript e dei molti framework che semplificano in modo notevole lo sviluppo di applicazioni cross-browser ha permesso ad una vasta gamma di utenti di avvicinarsi al "Web 2.0" senza richiedere la profonda conoscenza del linguaggio o del framework stesso. Tutto questo senza contare l'elevato numero di animazioni e filmati Flash che costellano la rete o l'avvento delle nuove tecnologie, come Ruby ed il framework Rails. La domanda è quindi la seguente: secondo voi oggi è ancora possibile realizzare un progetto (sito o piccola applicazione web) avvalendosi unicamente di codice HTML? A voi capita ancora o è capitato recentemente?

Continua a leggere Una pagina “HTML e CSS”

Categoria: Web Design

Tags:

Qualche tempo fa Smashing Magazine aveva proposto ai suoi lettori un quesito apparentemente semplice, che ha però portato ad una valanga di opinioni contrarie e poliedriche: "Should links open in new windows?" Tutti i programmatori e web designer sanno che è possibile controllare il "target" dei link presenti nelle pagine tramite l'omonimo attributo: il valore "_blank" indica che la pagina dovrebbe aprirsi in una nuova finestra. Questa tecnica presenta l'indubbio vantaggio di "tenere" la propria pagina nel browser dell'utente nonostante esso ne stia visitando un'altra. Dall'altra sponda, ovviamente, si dice che molte finestre (o schede) potrebbero confondere l'utente ed appesantire le risorse utilizzate. A questo proposito vi pongo lo stesso quesito, ma in maniera inversa: secondo voi i link dovrebbero aprirsi nella stessa finestra?

Continua a leggere I link dovrebbero aprirsi nella stessa finestra?

Categoria: Web Design

Ormai tre anni fa si discuteva su queste pagine sulla facilità  di HTML e CSS. A chi volesse riprendere il filo del discorso consiglio anche la lettura dei tanti, interessanti commenti. Uno dei punti vista emersi è che nei fatti la curva di apprendimento del linguaggio HTML, se ci si limita alla conoscenza degli elementi e del loro scopo, può risultare sicuramente più facile rispetto a quella dei linguaggi di programmazione. Ma c'è un altro punto di vista che vorrei aggiungere, quello espresso in questo intervento da Jens Meiert. Nel contesto di un approccio allo sviluppo fondato sull'integrazione sempre più elevata tra i livelli del markup, della presentazione e soprattutto dell'interazione con Javascript/DOM, l'importanza di HTML non esce sminuita ma diviene sempre più cruciale:essays to buy Se imparare HTML non è difficile, scrivere un buon HTML richiede una conoscenza robusta e l'esperienza necessaria per lasciare fuori tutte le cose irrilevanti ed evitare le trappole della manutenibilità . Ancora più importante è che padroneggiare davvero HTML sposta la complessità  verso gli stili e gli script: significa che per scrivere un HTML realmente elegante, semplice e manutenibile, è richiesta una conoscenza e un'esperienza più solida dei CSS e del DOM per offrire la presentazione e l'interazione che sono necessari.

Continua a leggere Sulla ‘facilità ’ dell’HTML

Categoria: Web Standards

Tags: