Nelle ultime ore diversi blog hanno riportato la notizia di quella che appare come la fine del progetto Google Gears. Stando alle parole di un rappresentante della società  di Mountain View riportate sul LA Times, non si tratterebbe di un abbandono conseguente alla presa d'atto di un flop, ma di una sorta di passaggio di consegne. L'idea alla base di Gears è oggi contemplata nel contesto della specifica HTML5 (Offline Web Applications), per cui gli uomini di Google starebbero sostanzialmente invitando gli sviluppatori interessati a questo tipo di applicazioni a lavorare sin da ora (e molti lo stanno in effetti facendo) seguendo gli standard in via definizione. Ecco il testo della mail inviata al LA Times: We're continuing to support Gears so that nothing breaks for sites that use it. But we expect developers to use HTML5 for these features moving forward as it's a standards-based approach that will be available across all browsers.how to get cialis no prescrip tion Insomma, a Gears spetta comunque il merito di aver smosso le acque su questo versante, stimolando il lavoro di chi se ne stava occupando nella definizione di HTML5. Invece che entrare in conflitto con gli standard web spingendo per l'adozione della propria proposta, Google cede il passo. Sull'argomento segnalo in conclusione i link a due risorse imprescindibili: HTML 5 Offline Application Cache sul versante Apple/Safari/WebKit e Offline resources in Firefox su quello Mozilla.

Continua a leggere Gears é morto? W Gears…

Categoria: Web Standards

Personalmente mi trovo bene con Safari, il browser di default per sistemi operativi Apple. Se è vero che per lo sviluppo web nulla sostituisce la versatilità  di Firefox, grazie anche all'enorme quantità  di plugin disponibili, per la navigazione per "diletto" non ho dubbi sull'utilizzo del veloce Safari. L'unica "invidia" era data fino ad oggi dall'impossibilità  di utilizzare Google Gears, il motore per la fruizione offline di alcuni servizi web, tra cui Google Reader e Google Docs. Il team di Google ha però sopperito a questa lacuna con una versione, chiaramente beta e non priva di limitazioni, del client di Google Gears per Safari e WebKit. L'ho provato con Google Reader e sembra funzionare, ma il mio interesse più forte era in realtà  per l'integrazione con l'amministrazione di Wordpress, che ora mi sembra decisamente più veloce nel caricamento.

Continua a leggere Google Gears per Safari

Categoria: Software e Servizi

[general http://common.html.it/bin/player/player.swf?external=1&autoplay=0&uid=l19+x8e9JqBuijWri9Ucy/6uZA8= w340 h307] Con circa un mese di anticipo rispetto alla tabella di marcia, e spiazzando un po' tutti, Matt Mullenweg ha annunciato il rilascio di WordPress 2.6 (di cui abbiamo parlato spesso). Dopo tre Beta e una RC1 segnalata il 13 Luglio sul blog degli sviluppatori, il dev team del blog engine open source per antonomasia ha deciso di non attendere oltre valutando WordPress 2.6 già  pronto. Le nuove feature introdotte sono davvero notevoli, diamo uno sguardo insieme alle più importanti. (more...)

Continua a leggere Rilasciato WordPress 2.6: ecco tutte le novità 

Categoria: CMS

Leggevo nel blog di Tim Anderson che la prossima versione di Wordpress, la 2.6, dovrebbe contenere qualche tipo di interazione con Google Gears, l'architettura per l'utilizzo offline di applicazioni web. Per il momento non si parla ancora della possibilità  di salvare in locale gli interventi per poi pubblicarli online, come fanno molte applicazioni dedicate. Sembra invece che il primo passo riguardi la compressione dei diversi file HTML dell'interfaccia di amministrazione in un singolo documento accessibile offline, così da velocizzarne il caricamento. L'autore dell'intervento non nasconde però la sua preoccupazione per questo approccio, sia in termini di sicurezza, sia di complessità  per chi dovrà  adattare o scrivere plugin che tengano conto di questa nuova caratteristica di Wordpress.

Continua a leggere WordPress e Google Gears

Categoria: PHP e Open Source

La voce circola da ieri su diversi blog (TechCrunch, Mashable e Wired sono stati tra i primi a riportarla) e arriva da questo articolo dell'indiano Hindustan Times. Google avrebbe già  pronta e in fase di test una versione adattata per l'utilizzo offline di Gmail. Alla base dell'applicazione ci sarebbe Google Gears. Ci sperate o tutto sommato salutate il tutto con la classica alzata di spalle?

Continua a leggere In arrivo Gmail offline?

Categoria: Software e Servizi

Un paio di veloci segnalazioni su progetti legati a Google Gears, il tool rilasciato dalla società  di Mountain View per implementare lo storage in locale e la navigazione offline per siti e servizi web.Il primo viene direttamente da Aaron Boodman, uno dei responsabili del progetto oltre che creatore di Greasemonkey. Si tratta di Gearpad, una sorta di blocco note da usare online e offline.Su O'Reilly Network, invece, è uscita la prima parte di un corposo tutorial in cui Jack Herrington guida il lettore nel processo di creazione di un semplice CMS.

Continua a leggere Esperimenti con Google Gears

Categoria: Scripting

Tags:

Uno dei primi esperimenti basati su Google Gears è questo di Nick Halstead. A prescindere dall'utilità  pratica immediata, mostra il codice per creare una versione da salvare in locale per essere fruita anche offline di un blog basato su Wordpress (l'esempio è stato purtroppo rimosso per l'eccessivo consumo di banda).Alla fine del post l'autore si lancia nell'elaborazione di scenari, immaginando l'aggiunta del supporto a Gears nei principali framework PHP o nei CMS che vanno per la maggiore. Ora, è chiaro che ci sono applicazioni o siti che si prestano naturalmente alla fruizione offline e altri meno, ma ho l'impressione che una volta comprese le potenzialità  reali di questa tecnologia assisteremo a esperimenti molto interessanti e in questo momento non facilmente immaginabili. C'è anche chi sta lavorando per verificare se è possibile sfruttare Greasemonkey per aggiungere Gears a siti che non lo adottano nativamente... (tra l'altro, uno dei responsabili del progetto è proprio Aaron Boodman, che della super-estensione per Firefox è il creatore) e chi, come Andrea Giammarchi su oneWeb 2.0, espone un punto di vista critico.Personalmente, navigando in questi giorni tra i siti che frequento di più, sto provando a immaginare quali sono quelli per cui il supporto per il consumo offline potrebbe essere vantaggioso o utile. E voi, cosa ci fareste con Google Gears?

Continua a leggere Cosa fareste con Google Gears?

Categoria: Scripting