Stavo leggendo l'articolo Applicazioni in arrivo per i BlackBerry di Emanuele e colgo l'occasione per segnalare il recente rilascio di una nuova versione del programma GMail per BlackBerry. La release 2.0 rappresenta un notevole passo avanti rispetto alla versione precedente. Tra le novità  più interessanti che ho riscontrato meritano di essere citate: La possibilità  di salvare più bozze email. La precedente versione consentiva di salvare una sola bozza alla volta. Il supporto alla nuova opzione per accedere a GMail esclusivamente via HTTPS. La versione precedente era incompatibile con questa opzione e, una volta attivata, era impossibile inviare o scrivere email via BlackBerry. Il supporto multi-account. Chi dispone di più account può ora mantenerli memorizzati e cambiare profilo semplicemente con un click senza dover eseguire il login/logout ogni volta. Il supporto a Google Apps, una vera benedizione per chi come me ha deciso di migrare la gestione email su Google Apps. In precedenza era necessario installare una release parallela, chiamata Google Mail (icona blu) per utilizzare Google App. Ora, con la gestione profilu e multi-account, è sufficiente inserire l'account email e cambiare il profilo in un click. (more...)

Continua a leggere Mobile Gmail 2.0 per BlackBerry

Categoria: Software e Servizi

Per i politici italiani la rete Internet è sempre più importante. Inviti ai blogger per le feste di partito? Briciole. Ministri che curano un sito web? Macché. Illuminate proposte di legge in materia? Figuriamoci. Semplicemente la Camera mette mano al [nostro] portafoglio e...Tratto da Il Tempo: Nel 2005 la Camera ha speso circa 4 milioni di euro di informatica. Hardware e software. Bastano? Non bastano. LÂ’ordine del giorno 2/26, firmato dal capogruppo dellÂ’Udeur Fabris e altri colleghi, chiede "un piano di acquisizione di strumenti informatici portatili di ultima generazione, ad esempio i palmari Blackberry, da assegnare ai singoli deputati al fine di permettere loro di svolgere al meglio la loro attività ". Accettato. I deputati avranno i minicomputer. Costo, intorno ai 469 euro al pezzo. Per 630 parlamentari. Basta? Non basta.LÂ’ordine del giorno 2/21 del deputato Jannone (Fi) e altri, chiede "la predisposizione dellÂ’impianto Internet wi-fi senza fili (e senza costo, ndr) nellÂ’aula della Camera". Accettato. LÂ’onorevole Grillini (LÂ’Ulivo) non lascia. Raddoppia. E ottiene, con lÂ’ordine del giorno 2/13, che Internet wi-fi sia esteso anche al Transatlantico. Basta? Non basta. Se lÂ’Aula e il Transatlantico sono sistemati, i Gruppi parlamentari non possono essere da meno. Sicché i deputati questori accolgono lÂ’odg 2/23 Fabris (Udeur) per "un significativo incremento degli stanziamenti per lÂ’adeguamento informatico".Di fronte a tutta questa tecnologia, però, il membro della Camera rischia di trovarsi spiazzato. Niente paura. Ci pensa lÂ’onorevole Fratta Pasini (Fi). Ordine del giorno 2/22. Data "la crescente informatizzazione dellÂ’attività  dei parlamentari si chiedono corsi di informatica per i deputati". Non passa, invece, la linea informatica open source: "da segnalare alcune proposte no global. Quella firmata da Caruso di Rifondazione che, per fare un dispetto al capitalista Bill Gates, chiede alla Camera di 'usare i software open source. Economici e più sicuri degli altri'. Bocciato...".

Continua a leggere Per i politici Internet é davvero fondamentale

Categoria: Eventi e segnalazioni