Post veloce con due fresche risorse di web design. La prima è 3 Little Buckets su DesignMeltDown, in cui viene esaminato come elemento di design una sezione prominente a tre parti orizzontali che presenta il sito, i servizi offerti, gli step di una registrazione o molto altro, come nello screenshot di seguito tratto da Quickeo: L'introduzione sostiene che tre è il numero perfetto di elementi in situazioni simili, e che quattro è accettabile ma già  troppo vicino all'essere eccessivo. Davvero notevole poi la selezione di siti che ben implementano i tre bucket come accattivante messaggio visivo e di marketing.E se vi state chiedendo come si possa fare per realizzare sezioni simili con grafica e CSS, il recente CSS hover effect di Verlee fa proprio al caso, come si può notare nel relativo esempio tratto da questo sito e realizzato in collaborazione con Roger Johansson. Il tutorial è semplice e i risultati decisamente gradevoli: il tutto è realizzato con un markup semantico, un CSS tutto sommato semplice, un efficace effetto rollover e un pizzico di grafica. Due risorse a cui vale la pena dedicare un po' di tempo.

Continua a leggere La regola del 3 e del 4

Categoria: Web Design

... o minaccia per la blogosfera? Non so se sia già  capitato a qualcuno di voi, ma da un paio di settimane circa ho letto su alcuni blog che frequento abitualmente frasi del tipo This is a paid review (questa è una recensione pagata).Di cosa si tratta? Sono stati da poco lanciati un paio di siti attraverso i quali è possibile guadagnare scrivendo sul proprio blog recensioni su servizi o prodotti. Da sottolineare che in entrambi i casi ci si iscrive e si aspetta che uno sponsor ci proponga di scrivere una recensione, che verrà  pagata a seconda di alcuni parametri quali l'autorevolezza o il page rank del blog.Questa nuova forma di pubblicità  è decisamente interessante, soprattutto a livello economico. Sento però che è in grado di compromettere in maniera molto forte la natura libera e sincera dei blog, oltre che introdurre un significativo rumore informativo dovuto al fatto che le recensioni potrebbero essere faziose in quanto pagate. (more...)

Continua a leggere Recensioni pagate: futuro dell’advertising…

Categoria: Web Marketing

Una recente discussione sul forum di WebmasterWorld ha evidenziato un comportamento di AdWords molto particolare.Sembrerebbe infatti che Google tracci le informazioni dei click che normalmente eseguiamo sugli annunci pubblicitari mostrati nelle pagine e aumenti o diminuisca il numero proporzionalmente all'interesse che dimostriamo.rustybrick, su Search Engine Roundtable, ha condotto un test cercando la parola iPod. Una volta verificata la presenza di Ads, la pagina è stata aggiornata attraverso il browser per una decina di volte ed ecco che gli annunci presenti nella parte superiore, quelli con sfondo azzurro, sono scomparsi.Sebbene sostenga da tempo che se tutti fossero come me i click sulle inserzioni sarebbero quasi pari a 0, devo constatare che è da molto tempo che non vedo più annunci in alto nella mia pagina di ricerca. Da considerare che navigo per il 95% dei casi loggato con il mio Google Account.Insomma, la morale sembra che se non volete gli annunci dovete semplicemente non cliccarli...

Continua a leggere Non vuoi gli annunci? Basta non cliccarli…

Categoria: Web Marketing

Le pop-under sembrano costituire l'alternativa moderna alle pop-up, dato che queste ormai non hanno storia grazie a browser e toolbar con il blocco.Chris Heilmann ha recentemente pubblicato How to create user friendly pop-under ads, un articolo molto dettagliato su come costruirle con CSS e Javascript. Nell'esempio la pubblicità  va a fondo pagina ma resta comunque visibile senza disturbare se Javascript è disabilitato. (more...)

Continua a leggere Pop-under con CSS e Javascript

Categoria: Scripting