di Marco Casario Commenta

àˆ di questi giorni l'annuncio da parte di Macromedia del rilascio di Merrimack, nome in codice per il nuovo update di Coldfusion Mx 7 che tra le novità  introduce per la prima volta nella storia del pacchetto il supporto al server di casa Apple, il Mac OS X Server 10.4. (more…)

di Fabio Sutto 3 Commenti

Gli amici e colleghi che operano nella rete sanno che da qualche tempo, dopo anni di onorata attività  come programmatore lato server (ok..ok, non sono così vecchio :-)), ho iniziato ad occuparmi di motori di ricerca, ottimizzazione e strategie di posizionamento.Mi sono avvicinato a questo mondo affascinante più con la curiosità  del principiante che con la volontà  di diventare un professionista del settore, la stessa filosofia che mi ha portato a imparare quanto più potevo nel campo dei linguaggi server-side.A dire il vero cià che maggiormente mi attrae è l'estenuante sfida in cui gli specialisti SEO e i motori di ricerca si misurano da anni, a colpi di spamming e ban, sotterfugi e conseguenti penalizzazioni nelle SERP.àˆ vero, ci sono anche i SEO's cosiddetti "etici"...ma che gusto c'è a fare tutto come dice la mamma? Potete quindi immaginare come mi abbia sorpreso questa notizia. A quanto pare "mamma Google" ultimamente è diventata particolarmente severa, ma al tempo stesso ha deciso di mostrarsi più disponibile al dialogo. Dopo anni in cui i bambini cattivi erano soliti lamentarsi per punizioni "incomprensibili" e per l'impossibilità  di comunicare con chi li puniva (d'altronde quando ti beccano con le dita nella marmellata c'è sempre una scusa valida, no?), Google sembra intenzionato ad intraprendere una campagna di dialogo con chi è sospettato di utilizzare tecniche che violano le ben note linee guida.I siti che presentino trucchetti poco ortodossi non verranno più bannati da un giorno all'altro senza preavviso, al contrario, prima di procedere alla definitiva penalizzazione, verrà  inviato un messaggio di avviso agli indirizzi reperibili sul sito: una mail abbastanza dettagliata informerà  chi di dovere sulle violazioni riscontrate. Il progetto è ancora in fase sperimentale, ma a quanto pare sono già  fioccati i primi "Warning". (more…)

Tags: ,
di Francesco de Francesco Commenta

Un artefatto cognitivo è un oggetto, una configurazione o un processo mentale che permette di migliorare, estendere o aggiungere una funzione all'acquisizione e gestione della conoscenza umana. Internet, con la sua possibilità  di contenere volumi infiniti informazione, aumenta la nostra capacità  cognitiva perché consente, come già  la scrittura e la stampa, di estrarre dal cervello ampie porzioni dÂ’archivio, memorizzandole all'esterno. (more…)

di Gabriele Farina Commenta

Da quando è stata introdotta la programmazione ad oggetti in PHP molte persone hanno cominciato ad apprezzare la possibilità  di affiancare i design pattern allo sviluppo web. Sono nate centinaia di soluzioni per i casi più disperati, che spaziano da framework di sviluppo a CMS sempre più avanzati e competitivi.Con PHP 5 il supporto alla programmazione ad oggetti è migliorato, e finalmente si possono applicare la maggior parte dei design pattern alla programmazione web senza troppi walkaround causati dalle limitate soluzioni offerte dalla versione 4. Per chi fosse interessato ad approfondire l'argomento, i seminari di php|symphony sono tornati, e tra questi uno parlerà  per l'appunto dei Design Pattern. Data la qualità  dei seminari non lasciatevelo sfuggire.Per chi fosse comunque interessato ad approfondire l'argomento tramite fonti alternative, consiglio il sito phpPatterns che contiene moltissime informazioni sull'argomento, anche se molte legate a PHP4. Da qualche giorno il sito non è raggiungibile, ma dovrebbe tornare online a breve.

di Cesare Lamanna 4 Commenti

Cosa te ne fai di centinaia di bookmark messi da parte in mesi di scorribande su internet se non hai il tempo di guardarne seriamente nemmeno il 5%? Se hai un blog, la soluzione è semplice: ci fai un sacco di post e li condividi con gli altri. Cominciamo.Google Maps Mania è il blog di riferimento per tenersi al passo con tutte le sfiziose novità  riguardanti questo fantastico servizio. Contiene anche un elenco aggiornato degli esperimenti di mash-up e dei tool creati con le API.Ancora risorse. Se vi servono liste di siti di stock photography, font, icone, suoni o brush per Photoshop, fate un salto su Blue Vertigo. E occhio allo scrolling orizzontale...Questo è invece per i fanatici dei test su siti e pagine web: Web Site Test Tools and Site Management Tools - More than 290 tools listed in 12 categories.Sono circolati molto nelle settimane scorse: E-Mail Icon Generator (per creare icone anti-spam con il proprio indirizzo), FreeTechBooks (libri di informatica e scientifici free).La cosa più meravigliosamente inutile che abbia visto negli ultimi mesi: gli esperimenti con i CSS del sessantenne Stu Nicholls.Io l'ho scoperto lavorando su questo blog. Firefox ha un problemino con Google AdSense: facendo lo scrolling della pagina si nota un fastidiosissimo movimento/spostamento del box con gli annunci. Ecco come risolvere.Intanto, pare, e sottolineo pare, che l'anti-Explorer abbia rallentato di parecchio la sua corsa. Approfondiremo. Per ora, buon week-end.

di Francesco Caccavella 1 Commento

I virus, a quanto sembra, non sono più il primo problema per la sicurezza di un PC. Il server di posta di HTML.it nell'ultimo anno ha gestito, in entrata e in uscita, circa 6 milioni e mezzo di messaggi di posta elettronica. Di questi 1 milione contenevano virus e altri 200 mila erano spam.Dalle statistiche del server, riportate nella figura in basso, si evidenzia comunque una tendenza che forse avrete già  sperimentato sulla vostra pelle: il numero di virus giornalieri è costantemente, ad esclusione di alcuni picchi, diminuito. Su HTML.it siamo passati dai quasi 4 virus al minuto registrati alla fine dell'anno scorso, ad 1,5 virus al minuto registrati durante il mese di ottobre 2005. Un calo consistente, di oltre il 250 per cento.Lo conferma anche una ricerca veloce su Symantec: nel 2005 i virus che hanno ottenuto un livello di pericolo pari o superiore a 3 (su una scala di 5) si possono contare sulle dita di una mano. E gli ultimi due (Zotob ed Esbot) non hanno avuto particolare eco in Italia perché comparsi a ferragosto.Cià non vuol dire che siamo più sicuri. Sicuramente conta, in questa débà¢cle, la maggiore consapevolezza dell'utente nel gestire la posta elettronica e i suoi allegati; sicuramente gli antivirus, fino a poco tempo fa installati solo sui computer dei più attenti, sono più diffusi; ma è altrettanto vero che i "produttori" di virus stanno cercando altri strumenti con cui fare soldi: phishing per primo.

Tags: , ,

Tabelle e CSS

30 Sep
di Cesare Lamanna 3 Commenti

Non voglio riattizzare qui la discussione sull'uso delle tabelle nella costruzione dei layout, ché francamente mi sembra un argomento poco attuale. Voglio invece parlare delle tabelle usate per il loro scopo primario: racchiudere dati tabulari. La loro formattazione con i CSS può risultare a volte complicata e fonte di mal di testa può essere anche la solita inconsistenza nel supporto dei fogli di stile tra i vari browser. Vi propongo allora due risorse.La prima è più teorica. Styling Tables with CSS risale a due anni fa, ma mantiene ancora tutta la sua validità  come tutorial completo e analitico sull'argomento.La seconda è invece tutta rivolta alla pratica e può essere buona per i meno esperti. Si tratta di questo wizard utile alla generazione automatica del codice CSS necessario alla formattazione di una tabella. Ecco cosa ho ottenuto in pochi secondi cliccando su qualche pulsante dell'applicazione: Il wizard funziona alla perfezione con Firefox, mentre ha un po' di problemi con IE. Il funzionamento è molto intuitivo. Tramite i pulsanti e qualche campo di testo è possibile specificare le caratteristiche per bordi, padding e sfondi della tabella e degli elementi discendenti (th e td). Il risultato finale viene aggiornato automaticamente man mano che si settano le varie impostazioni. Una textarea accoglie il codice finale, pronto per essere copiato e incollato.Attenzione però. Come fa notare anche l'autore, il wizard consente di intervenire su proprietà  come border-spacing o -moz-border-radius non supportati da Explorer. Il test diretto con il browser di Microsoft è pertanto vivamente consigliato.

Tags:
di Marco Casario 4 Commenti

Tutti sappiamo che da un po' di tempo è disponibile la versione 8 di Flash. Le novità  sono davvero tante e cercare di scoprirle richiede tempo e fatica, soprattutto quando non si ha ancora la possibilità  di avere il programma originale per poter consultare il manuale, oppure un bel libro da cui poter prendere spunto (per i libri su Flash 8 bisognerà  infatti aspettare ancora un po').Direttamente dal sito di Macromedia è possibile procurarsi la documentazione completa in tre modi: Opzione 1: In-Product Help Consultare la guida del prodotto direttamente dal pannello di Help. Opzione 2: LiveDocs sul Web Consultare, ricercare e commentare la guida completa del prodotto direttamente dal web. Opzione 3: PDF Scaricare e consultare la guida del prodotto in formato PDF.

Tags:

Una interessante ricerca portata avanti da Gary Price di Searchenginewatch.com è andata a scovare tutti i domini registrati da Google. Alcuni di essi hanno tempo fa lasciato intuire in anticipo quali sarebbero state le prossime mosse del motore di ricerca. Altri sembrano essere registrati con il semplice scopo di evitare che qualcuno li utilizzi a fini fraudolenti (Google1.com, Google2.com e Google3.com non sembrano granchè utili).La ricerca ha inoltre scoperto come alcuni domini siano "concessi" alla fantomatica Data Docket (della quale non si sa molto più del semplice nome), azienda che in pratica fa da deposito domini per Google. Dalla lista (tenuta continuamente aggiornata) spuntano nomi stuzzicanti come GoogleBox, 466453 (scrivendo "Google" su un cellulare con il sistema T9 si ottiene tale numero), Gbrowser (.com, .net e .org), Gcalendar, Gchat, Googlebuy, Googlewifi, eccetera. Largo alla fantasia per interpretare come e se questi domini verranno un giorno sfruttati. Ah, dimenticavo: ci sono anche Porngoogle e Googleporn.

Tags: ,