di Alessandro Fulciniti 17 Commenti

Non si tratta del nome di un gruppo degli anni ottanta né di un'esclamazione... AHAH (Asynchronous HTML and HTTP), è una recentissima libreria che costituisce un'ottima alternativa ad AJAX per diversi motivi.Il primo è che, basandosi su semplici inclusioni asincrone di codice HTML (sia esso proveniente da un file statico o il risultato di un'elaborazione server-side) non necessita di parsing dell'XML come avviene per AJAX. Il secondo è che si tratta di una libreria estremamente leggera: si compone infatti di due sole funzioni per un peso inferiore al kilobite. Terzo ed ultimo, ma senz'altro il più importante, è la disarmante facilità  di utilizzo. Oltre alla già  citata pagina originale su microformats.org, ho trovato questa valida introduzione (l'implementazione è leggermente diversa, ma sempre molto concisa) e questo esempio molto semplice. Se non avete ancora avuto tempo o modo di provare AJAX, AHAH potrebbe essere un buon punto di partenza.

Tags: , , ,

Ecco come Reuters annuncia lo sblocco di una situazione di stallo che vedeva gli utenti in seria difficoltà  a lasciare l'ADSL Telecom Italia per passare a nuovi operatori:Dopo la decisione del Tribunale di Roma, che ha ordinato a Telecom Italia di adempiere alle obbligazioni relative al cosiddetto "override", Tiscali annuncia più facili passaggi alle sue connessioni ADSL e servizi VoIP dalle utenze Telecom Italia e di altri operatori in unbundling.L'agenzia continua spiegando:Il passaggio potrà  avvenire inviando una semplice richiesta a Tiscali, senza dover mandare disdetta al precedente operatore, spiega una nota, ricordando che l'override era previsto da una delibera dell'Autorità  Garante per le Comunicazioni cui finora Telecom Italia non aveva dato attuazione.Alla luce di tali situazioni, la difformità  di approccio manifestata da taluni gruppi su mercati diversi fa quantomeno riflettere.

Ministerial eGovernment Conference 2005: l'Italia ne esce con un giudizio positivo, pur con qualche "ma" da tenere in stretta considerazione. Il giudizio della conferenza (24-25 Novembre) sull'Italia è stato riportato dall'Agenzia Giornalistica Italia ed è qui affrontato dal gentile contributo di Damiano Falchetti. (more…)

Tags:
di Francesco Caccavella 2 Commenti

Sober.X, il virus che ha spinto Symantec ad alzare il livello di pericolo in rete da 1 a 2 (su una scala di 4), non sembra particolarmente diffuso in Italia. Il virus è uno dei pochi degli ultimi mesi ad essere stato segnato, sempre da Symantec, con pericolo di livello 3 (su 5). Sophos ha dichiarato che il worm rappresenta ora oltre l'80 per cento dei virus rilevati nel mondo ma la statistica non trova preciso riscontro in Italia. (more…)

Tags: ,
di Cesare Lamanna 1 Commento

Lui è troppo discreto e mai lo avrebbe fatto. Così segnalo io questa intervista (in inglese) al nostro Alessandro Fulciniti: cosa gli piace bere, se guarda la TV, quanto dorme, cose così, CSS, Javascript e HTML qb :).

di Francesco de Francesco 17 Commenti

Dopo lÂ’esperienza di cui vi ho raccontato in Il computer comincia a star stretto ad Internet, ho trascorso la settimana a registrare mentalmente le situazioni nelle quali la consultazione di un sito tramite cellulare mi avrebbe fatto comodo. Ecco il primo elenco. (more…)

Una ricerca del CNR sciorina una ingente quantità  di numeri da cui si può trarre una conclusione di assoluta rilevanza. Il ragionamento finale è semplice: le aree italiane più lontane dal web non possono giovare dei benefici che il web può apportare e quindi continuano a rimanervi lontane. Al contrario le aree più sviluppate vi accedono ed aumentano il proprio status socio/economico. In pratica, dunque, l'esistenza di internet e la sua irraggiungibilità  da talune comunità  (geografiche, economiche o sociali che siano) determina differenti ritmi di sviluppo ed un differenziale che tende ad autoalimentarsi. Se ne è parlato su WebNews, se ne è parlato su La Repubblica. Senza stare a riportare ulteriori dati in questa sede, rimando direttamente al file .pdf (circa 600 Kb) distribuito direttamente dall'ufficio stampa del NIC. Vale la pena rifletterci su un attimo, perchè a volte le dinamiche dello sviluppo non sono così dirette quanto potrebbe apparire. Se nel frattempo dovessi trovare un link diretto al file provvederà ad aggiornare il riferimento.

di Marco Casario 6 Commenti

A volte gli strumenti più semplici passano inosservati, ma risultano essere poi quelli più utili nella routine quotidiana.FlashPaper credo faccia parte di questa sfortunata categoria. Sicuramente adesso vedrà  una nuova vita visto che è stato introdotto all'interno della Suite 8 di Macromedia al posto di Freehand.Ma cos'è FlashPaper 2? àˆ un printer, ovvero una stampante che permette di convertire qualsiasi documento stampabile in formato .swf e .pdf. La comodità  dello strumento risiede nel fatto che permette di convertire anche file con estensioni difficili da condividere sul web (pensate ad un Autocad o un semplice file Excel) in .swf pronti per essere fruiti con il semplice flash player.Se volete farvi un'idea più ampia andate a vederlo in funzione sul sito Macromedia in questo Features Tour fatto con Breeze. (more…)

Tags:
di Gabriele Farina 9 Commenti

Poco tempo fa ho acquistato un iBook da utilizzare nelle diverse ore di treno che passano durante il tragitto da casa mia al posto in cui attualmente lavoro. Pian piano ho cominciato a comprendere le reali funzionalità  di questo sistema operativo, ed ho deciso di provare per un po' di tempo questa piattaforma di sviluppo. (more…)

Tags: , , , ,