di Cesare Lamanna 2 Commenti

Web Design from Scratch è un nuovo sito dedicato a chi si avvicina a questa pratica con l'intento di creare siti efficaci ed esteticamente gradevoli. Nulla di nuovo, per certi versi, ma alcune delle mini-guide in cui sono suddivise le principali aree del sito sono davvero ben fatte.Ne segnalo una, quella aperta e sempre in fieri in cui l'autore propone una sorta di stato dell'arte del buon design sul web: Current Web Style. àˆ piena di screenshot e link di siti che spiccano in qualche modo per le loro caratteristiche e che sono accomunati da questi elementi (ritenuti evidentemente vincenti nel contesto attuale):layout semplici;effetti tridimensionali, gradienti e riflessi usati con parsimonia ma in modo efficace;sfondi bianchi o con sfumature di grigio;utilizzo appropriato e moderato di colori forti;uso equilibrato di icone e altri elementi grafici;grande utilizzo di spazi bianchi di respiro;testo grande.

Tags:
di Gabriele Farina 1 Commento

Finalmente qualcuno ha deciso di muoversi per iniziare a sviluppare un supporto potente e completo alla tecnologia AJAX, che sta spopolando sulla rete in questo periodo.Uno dei proposal fatti per Eclipse parla di ATF, un'aggiunta al WTP che si propone di essere un toccasana per chi sviluppa web utilizzando AJAX. Le funzionalità  implementate saranno molte, tra cui: un debugger per Javascript; un browser integrato per le preview una console Javascript (un po' come quella di Python) un DOM inspector integrato; un framework completo indipendente dal runtime AJAX utilizzato;

Tags: ,
di Alessandro Fulciniti 8 Commenti

Ispirato in parte da Typography for headlines di cui ho parlato in questo post, ho pensato di preparare un po' di header tipografici: si tratta di sette titoli h2 personalizzati con i CSS, ciascuno anticipato dalla relativa regola CSS necessaria pronta per il copia-incolla. Ho lasciato il testo ridimensionabile, così potrete ammirarli nelle varie grandezze.Un paio di curiosità : il primo titolo è senza dubbio il più moderno: font Arial e letter-spacing negativo sono piuttosto diffusi in siti Web2.0; il quarto titolo mostra il Times New Roman, font quasi dimenticato, nel suo splendore, mentre l'ultimo è un buon modo per usare testo serif in maniera un po' diversa. E se aveste difficoltà  con la scelta dei colori da attribuire ai titoli, la pratica palette dei colori potrebbe fare al caso.

di Francesco Caccavella 3 Commenti

Microsoft ha rilasciato la versione Beta 2, liberamente scaricabile e installabile, di Onecare Live, la suite di protezione antivirus, backup dati e ottimizzazione di sistema. L'installazione, che si esegue online, è possibile solo su sistemi Windows in inglese. Come detto, il servizio costerà  49,95 dollari all'anno.

di Francesco Caccavella 17 Commenti

Avete mai provato a reinstallare Windows dopo aver formattato completamente l'hard disk? Bene: se non avete previsto protezioni o se non avete già  provveduto a scaricare le patch di sicurezza di Microsoft, sulle reti meno controllate (Alice e Libero, per esempio), il vostro computer sarà  infettato in meno di un minuto dalla connessione ad Internet. Le cose migliorano se l'Xp che installate ha già  il Service Pack 2 incluso. Ma per navigare sicuri serve un computer completamente aggiornato. Subito. Microsoft ci ha pensato e ha partorito l'Immagine Iso. (more…)

di Gabriele Farina 5 Commenti

Da qualche mese quando si parla di Javascript non si può fare altro che affiancargli AJAX, e trattare degli argomenti ad esso correlati. Sono moltissimi gli strumenti rilasciati per supportare questa tipologia di piattaforma, e moltissime sono le parole spese a riguardo.Tanto per non discostarci troppo dall'argomento, mi sento in dovere di spendere qualche parola a proposito di una libreria sviluppata in Javascript che permette di gestire filmati Flash senza dover toccare l'IDE Macromedia attraverso un'API molto facile e potente. La libreria in questione si chiama AFLAX, e sfrutta l'ExternalInterface di Flash 8 per fornirci un set di funzionalità  per il disegno vettoriale (e molto altro) da javascript. La libreria funziona bene, non ha grossi problemi di compatibilità  e le applicazioni demo introducono molto bene le potenzialità  di questo strumento. Che dire, speriamo che questa interessante tecnologia segua l'evoluzione di AJAX e cominci ad essere supportata e seguita dagli sviluppatori web.

di Simone Carletti 12 Commenti

Da oggi è possibile aggiungere <edit>, il blog di HTML.it, alla vostra Google Toolbar.Una delle funzionalità  più interessanti della nuova versione della celebre barra è il supporto per una serie di API che consentono ai programmatori di sviluppare moduli aggiuntivi ed agli utenti di aggiungere nuovi bottoni di ricerca.Aggiungere alla vostra Google Toolbar il bottone di questo blog è molto semplice. Il requisito minimo è Internet Explorer con installata la Toolbar 4.0.Aprite IE e digitate l'indirizzo http://toolbar.google.com/buttons/add?url=http://blog.html.it/toolbar_button.xml, oppure seguite questo collegamento. (more…)

di Alessandro Fulciniti 15 Commenti

Circa due settimane fa Andy Rutledge ha presentato un'interessante sperimentazione, ovvero un possibile redesign di Google, articolo divenuto noto a molti grazie a Digg. Oltre ad essere un notevole esercizio di design, trovo il risultato decisamente accattivante, ma credo sia una questione molto soggettiva. Sempre attraverso Digg scopro la che il citato redesign è stato anche codificato con HTML e CSS e presentato in questa pagina. Curioso di natura come sono, ho subito dato uno sguardo al markup, e ho notato: <a href="http://www.google.com/ads/"><div class="ad"></div></a> Un link vuoto con dentro un div è sbagliatissimo per due motivi: l'accessibilità  ai contenuti a chi naviga con immagini e/o CSS disabilitati, screen reader e browser alternativi; inoltre i link essendo elementi inline al loro interno non possono contenere elementi block-level come i div. Se l'appeal del redesign è notevole, chi ha fatto la sua ricodifica ha fatto un lavoro decisamente pessimo: lo dice anche il validatore.

Tags: ,
di Francesco de Francesco 22 Commenti

Mi capita spesso di sentire riferimenti alla durata di una visita o alla permanenza su una pagina di un sito.Vogliamo finirla? Non esiste il concetto di durata di una visita. Vediamo perché.Da un IP arriva la richiesta di accesso ad un componente di un sito. Puà essere una pagina, unÂ’immagine o una semplice richiesta di servizio al server. In teoria, un gruppo di richieste provenienti dallo stesso IP dovrebbero significare che quella è una visita. Se arrivano richieste da due IP diversi, diciamo che sono due visite. Falso, anzi, falsissimo (non si può dire, vero?)Ipotizziamo che il primo accesso dallÂ’IP 1 arrivi alle 12.01 e lÂ’ultimo accesso arrivi alle 12.33. Poi non ce ne sono più. Mai più. Potremmo dire che quella era una visita.Sbagliato. La maggior parte delle aziende esce con un solo IP verso Internet. Possono esserci centinaia di visitatori a navigare e non ci sarebbe nulla di strano che due visitatori navigassero lo stesso sito nello stesso tempo, soprattutto se è un sito importante o se fornisce informazioni di pubblica utilità .Quindi quella che a noi pareva una visita, in realtà  erano due. Quanto durava ognuna delle due? Boh! (more…)