Spento il lettore DVD con una lezione sulla NeXt Economy, apro l'aggregatore e vedo che Google ha deciso di sfruttare il dominio Google.org a fini umanitari ("Il braccio filantropico di Google" recita il sito ufficiale). Il gruppo dedicherà  dunque parte delle proprie risorse a progetti sociali: I fondi per le "opere di bene" saranno finanziati per la maggior parte dalla donazione dell'1% delle azioni dell'offerta pubblica dell'anno scorso, insieme all'1% dei profitti annuali. Così Reuters ha spiegato il progetto, precisando infine che la sua missione sarà  quella di occuparsi della povertà  nel mondo, dell'energia e dell'ambiente. Se l'1% può sembrare una frazione minimale, il tutto va però commisurato sulle grandi cifre di un grande gruppo: è infatti di 1 miliardo di dollari circa il valore approssimativo della "donazione" Google, con un ulteriore obolo annuo ad oggi valutabile attorno ai 10 milioni di dollari. (more...)

Tags:
di Francesco de Francesco 5 Commenti

Mi capita spesso, navigando per forum, di rispondere a domande sulla mappa del sito, sui suoi collegamenti col posizionamento e su come dovrebbe essere fatta.Non è certamente questa la sede per un articolo di approfondimento, però quattro dritte vorrei darle.La mappa del sito è una pagina che contiene un link a tutte le altre. Al visitatore serve per muoversi velocemente verso un obiettivo (se lo conosce), senza navigarsi tutto lÂ’albero. (more...)

di Francesco Caccavella 3 Commenti

Una delle novità  più utili, in termini di sicurezza, del prossimo Explorer 7 sarà  la possibilità  di far girare il programma nel cosiddetto Protected Mode. Attraverso questa tecnologia attorno al browser viene costruita una sorta di barriera che impedisce agli script e ai programmi caricati ed eseguiti nel navigatore di intaccare risorse di sistema. Il Protected Mode funzionerà  solo con Windows Vista poiché solo questo sistema operativo supporta la tecnologia UAP (User Account Protection).Anche su Explorer 6 si può però utilizzare un sistema simile. Vediamo come. (more...)

di Alessandro Fulciniti 1 Commento

Se vi state chiedendo cosa hanno in comune i selettori CSS e Guerre Stellari forse non avete ancora letto CSS specificity Wars di Andy Clarke. La specificità  dei selettori può rivelarsi oscura e di difficile comprensione, e l'autore ha davvero trovato un modo molto divertente ed efficace per spiegare un argomento così importante attraverso i guerrieri di Stars Wars. Meritano una lettura attenta anche i link che l'autore segnala a fondo articolo: Le specifiche W3C CSS - Specificity - HTML Dog Juicy Studio: Selector Specificity HTMLHelp: CSS Structure and Rules Molly: CSS2 and CSS2.1 specificity clarified Eric Meyer: Link Specificity A cui aggiungo un riferimento in italiano, ovvero Ereditarietà , cascade, conflitti tra stili della guida CSS di HTML.it.

La brevettabilità  del software è stato un argomento a lungo al centro di un intenso dibattito durante il 2005. Ora il CNR vuole tirare le fila del discorso ed ha così organizzato presso la propria sede (Venerdì 14 Ottobre) un convegno dal titolo "Proprietà  industriale e diritto dÂ’autore sul software: profili civili e penali con riguardo alla brevettabilità  del software e ai Digital Rights Management". (more...)

Tags:
di Cesare Lamanna 1 Commento

Tra i tanti rumors su Google, uno di quelli su cui si è più speculato negli ultimi mesi riguarda l'attivazione di un servizio per pagamenti elettronici in grado di rivaleggiare con PayPal. Qualcuno ha scoperto per caso che qualcosa in cantiere c'è davvero. Il servizio potrebbe chiamarsi Google Purchases. Stando a quanto riportato dall'autore dello scoop, la pagina incriminata sarebbe stata rimossa, ma uno screenshot è rimasto. Mostra un modulo in cui inserire i dati della propria carta di credito. Vedremo se ci saranno sviluppi.Via Techdirt.Update: approfondimenti (o nuovo materiale per speculazioni, fate voi) su SearchEngineWatch Blog.Update 2: Giacomo segnala che lo screenshot non è più disponibile per la troppa banda consumata. L'ho recuperato dalla cache di Safari: eccolo.

Tags:

SQL Server 2005 utilizza XQuery come linguaggio di interrogazione e manipolazione per il nuovo tipo dati XML. Questo implica che lo sviluppatore T-SQL dovrà  acquisire nozioni sul nuovo linguaggio; vediamo un esempio di query xml: set quoted_identifier on declare @x xml set @x='<?xml version="1.0" ?><para>Il nuovo linguaggio XQuery!</para>' select @x.value('(/p)[1]','varchar(max)') as 'Testo' go Per acquisire confidenza con XQuery, Kent Tegels pubblica sul suo sito un fantastico tutorial in formato pdf, corredato con scripts di supporto per la creazione delle tabelle del database di prova e il popolamento delle stesse. Da provare assolutamente visto che l'unico requisito necessario è la versione Express di SQL Server 2005 (quella gratuita) disponibile sul sito Microsoft.

Tags: ,
di Cesare Lamanna 2 Commenti

L'annuncio ufficiale dovrebbe avvenire in giornata. Microsoft e Yahoo! avrebbero stretto un accordo per garantire l'interoperabilità  tra i rispettivi programmi di instant messenging. I primi commenti parlano di una mossa anti-AOL.Riferimenti: The Register, cNet, BetaNews.

Non sto a riportare la storia perchè, in quanto non conclusa e da poco resa pubblica, merita una lettura più attenta. Gli elementi della Spy Story ci sono tutti: un interesse di fondo, aziende senza referente, un'indagine segreta, scambi di nomi e quant'altro. Per chi ha voglia di leggere (e di coadiuvare l'indagine, perchè no?!), ecco il link alla storia. Le scene sono state girate tra Roma, Montenero di Bisaccia, Taiwan e Kazakhstan. Il finale è ancora tutto da scrivere...

Tags: