Un aggiornamento della situazione offerto da Pandemia è l'occasione buona per evidenziare l'incredibile risultato che Beppe Grillo sta ottenendo nel mondo dei blog. Grillo è infatti l'unico italiano nella top 100 di Technorati, ad oggi compare in 28a posizione (10.957 links da 3.433 siti) ed in una intervista a Repubblica egli stesso si annuncia in 23a posizione.A ben pensarci Grillo non si è adattato al blog: il blog sembra essere semmai il mezzo che più permette all'istrionico artista di esprimersi in tutta la sua esplosiva energia. Ed i risultati, è evidente, sono apprezzati. Aggiungiamo un link al suo score: BeppeGrillo.it.

Tags:
di Francesco Caccavella 1 Commento

Le reti Wireless sono sempre più utilizzate, a casa o al lavoro. Alla loro maggiore diffusione corrisponde anche una maggiore esposizione ai pericoli. Sono oramai molto diffusi i software di scansione delle reti in grado di intercettare le connessioni e i dati in esse trasportati e diffusi sono anche i tool che consentono di craccare anche le reti basate su controllo più accurati, come quello degli accessi attraverso l'indirizzo MAC.ZDNet ha stilato per questo motivo un decalogo della sicurezza del Wi-Fi. Sono suggerimenti pratici, da applicare subito attraverso le impostazione del PC o del proprio Router.1. Utilizzare le criptazione dei dati Il livello minimo di sicurezza è garantito dal WEP (Wired Equivalent Privacy). Sebbene poco sicuro, è meglio di niente. (more...)

Tags:
di Marco Casario 3 Commenti

Le novità  di Dreamweaver 8 sono davvero tante e molte ore passeranno prima che possiate usarle tutte. Ho deciso di iniziare questa serie di post proprio per cercare di dare una mano, velocizzando il lavoro di scoperta agli utenti che utilizzano Dreamweaver come strumento di sviluppo per le loro applicazioni web. (more...)

In seguito ad una curiosa indagine di Gary Price, è emerso pochi giorni fa il fatto che Google avrebbe acquisito, mediante una società  satellite, alcuni domini, tra i quali GCalendar.com. Pochi giorni dopo alcuni movimenti strani sono stati notati sul server abbinato (ormai tenuto sott'occhio da chi vuole carpire l'anteprima di una eventuale novità  in proposito). Ieri una mossa da parte della diretta concorrenza scatena quella che è quantomeno una coincidenza: Yahoo! ha infatti reso pubblicamente nota l'avvenuta acquisizione di Upcoming.org, servizio che funge da "calendario collettivo" per eventi e manifestazioni interessanti (in base a quanto ottenuto dall'interazione degli utenti).Facendo uno più uno, aggiungendo tutte le evoluzioni che un progetto simile potrebbe assumere, considerando i "rumor" degli ultimi giorni, innaffiando il tutto in una buona dose di audace fantasia, son pronto a scommettere 1 Euro (e non un centesimo di più) che GCalendar possa prima o poi prendere forma.

Tags: ,
di Gabriele Farina 6 Commenti

Sourceforge.net è uno dei siti che visito più spesso nei momenti in cui ho del tempo libero. Mi piace cercare tra i progetti nuovi oppure tra quelli poco conosciuti per vedere se c'è qualcosa di interessante che vale la pena di seguire. Proprio ieri sera stavo facendo il mio giro settimanale su questo sito quando ho scoperto una cosa (che probabilmente moltissimi sapranno): l'intera applicazione tramite cui vengono fruiti i contenuti su sourceforge.net è anch'essa un progetto scaricabile dall'archivio del sito internet in questione.Il codename sotto cui la si può trovare è Alexandria-devel. Il progetto è sviluppato interamente utilizzando tecnologie opensource: PHP, Perl e qualche script per la shell di linux. A dir la verità  non ho ancora provato ad installarlo, ma ho dato un'occhiata al codice: semplice PHP procedurale, ma risulta interessante analizzare l'applicazione più che altro perchè tocca argomenti che solitamente non vengono affrontati durante lo sviluppo di applicazioni web standard.Ora vado a dare un'occhiata anche a Freshmeat, magari hanno seguito la stessa politica ...

di Fabio Sutto 5 Commenti

Il comando diff, comunissimo per chi lavora in ambiente Unix, consente di comparare due file evidenziandone le differenze in tutti i dettagli.In questi giorni sto lavorando su Windows e in diverse occasioni mi sono trovato nella necessità  di avere per le mani proprio qualcosa di equivalente a diff. Per un po' ho traccheggiato facendo la spola in rete tra il PC dove gira Windows e quello dove sta Linux... poi ho vinto la mia ritrosia (credo giustificata) ad installare programmi non indispensabili su macchine Windows, e ho fatto una ricerca su Google: "diff for windows".Mi aspettavo di trovare la solita caterva di trials destinati ad essere usati finché durano e poi a fare gli zombi in Start-Programmi e a intasare la RAM (diciamocelo, spesso l'uso di crack è un'attività  inutile che non prenderemmo neppure in considerazione se non fosse per un ingenuo gusto del proibito) e invece....Dopo un po' di 'ravanamenti' ho trovato alcuni freeware niente male.Spero di fare cosa gradita suggerendovi WinMerge che tra l'altro non è freeware ma open source.

Ecco un'esempio di sito che dimostra quanto anche la religione possa stimolare la creatività  dei progettisti web. Stiamo parlando delle Chiese americane di Agape. In questo lavoro la missione è una: rivolgersi ai giovani. La scelta di fare tutto il lavoro in Flash non pare davvero casuale.Volevo anche segnalare un altro progetto insolito e davvero ben fatto: Le quattro stagioni di Jonathan Clark, un sito fotografico anch'esso realizzato con Flash. L'artista è andato a fotografare tutte le quattro le stagioni dell'anno in un posto davvero insolito: il cimitero londinese di Steatham. Incredibile l'atmosfera, non tetra ma certo molto triste e malinconica. Un consiglio: mettere l'audio su "ON". Curiosa anche l'area dello shop su Cafepress dove si possono acquistare gadgets davvero insoliti.

Nel momento in cui si scrive una mail su Gmail e la pagina si chiude per motivi vari (non da ultimo il crash del browser), la mail scritta viene solitamente perduta senza possibilità  alcuna di ripristino. Google ha deciso di risolvere il problema e comunica nell'apposita pagina delle novità  del servizio il nuovo salvataggio automatico delle mail: qualsiasi testo può essere recuperato in caso di problemi incorsi prima dell'invio. Non avendo fatto una prova sul campo non saprei quantificare i minuti dopo il quale scatta la funzione di autosalvataggio (tempo non specificato nella descrizione proposta da Google).Altra novità  Gmail proviene dalla Google Toolbar: il piccolo tool potrà  d'ora innanzi avere anche un pulsante per accedere automaticamente alla propria casella di posta direttamente dal browser (come già  in precedenza era possibile realizzare cliccando su "inbox" da Google Talk).Ultima novità  proprio da Google Talk: rilasciata una nuova versione (identificativo 1.0.0.72). Nessuna modifica sostanziale, la nuova versione corregge solo alcuni non meglio specificati bug.

di Francesco de Francesco Commenta

Premessa: vogliamo realizzare un sito facilmente navigabile e che, stabilito lÂ’interesse del visitatore, lo aiuti a seguire il percorso informativo nel migliore dei modi e col minor dispendio possibile dÂ’energia.Sulla base di quanto esposto, ci poniamo un dubbio: meglio pagine con molti link ad altre o pochi link su ognuna in modo da limitare le possibilità  di scelta e quindi il dispendio energetico mentale richiesto per la ricostruzione del percorso?Piccole pagine con molti link consentono al visitatore di costruirsi un percorso personalizzato, ma presentano lo svantaggio dÂ’obbligare a continue scelte tra molte opzioni. Diventa più difficile per il visitatore capire dove si trova e ricostruire la strada percorsa potrebbe essere difficile.Pagine che guidano alla visita presentando pochi link, forzando quasi lÂ’utente ad un percorso obbligato, comportano un minor sforzo mentale, rendono più semplice la navigazione ed aiutano nella definizione del punto in cui ci si trova. Quale delle due, quindi?Esperimenti fatti (questi [formato .rtf] i risultati di uno) evidenziano come la prima soluzione aumenti la produttività  delle visite. LÂ’articolo, suppur centrato su altri aspetti, presenta dati che si prestano a questa conclusione.