di Alessandro Fulciniti 6 Commenti

Nella realizzazione di layout basati su CSS la fase di test è fondamentale: tipicamente si tende a inserire nelle sezioni principali del testo di riempimento (filler text in inglese) per verificare la robustezza del layout al variare della lunghezza delle colonne.Ritenendo questa operazione piuttosto noiosa, ho pensato di sviluppare un piccolo script che la può velocizzare molto: è infatti in grado di aggiungere dei link attraverso i quali potremo ottenere uno o più paragrafi di filler text, così da effettuare il testing del layout senza dover editare ogni volta il codice HTML.Ho preparato una pagina di esempio che usa lo script. (more...)

di Gabriele Farina 18 Commenti

Sarà  un mio problema, ma ogni volta che mi capitano un lavoro o un progetto interessante, mi ritrovo sempre a dibattere con me stesso (o con eventuali altri sviluppatori) sul fatto di optare per soluzioni personali oppure per codice scritto da terzi.Penso sia un problema (se così lo possiamo chiamare) di tutti o della maggior parte dei programmatori: si è sempre intenzionati a rifare tutto da capo dato che spesso ci si ritiene all'altezza di svolgere il compito richiesto in modo migliore delle soluzioni gà  presenti. Non oso neanche immaginare la quantità  di CMS (OpenSourceCMS, con la sua continua espansione ne è un esempio) che sono stati sviluppati privatamente dai programmatori di tutte le età  e di tutti i livelli di esperienza.Optare per la soluzione personale ha molti svantaggi, tra i quali l'incremento notevole dei tempi di sviluppo, ma presenta alcuni vantaggi soprattutto per il panorama open source: l'affluire continuo di soluzioni alternative a quelle già  esistenti porta un notevole miglioramento del sistema globale ed una crescita che altrimenti non sarebbero possibili in caso mancasse la concorrenza e la sperimentazione. D'altro canto pare ovvio affermare anche l'opposto: se si decide di utilizzare codice sviluppato da terzi si possono identificare bug, proporre nuove feature e, perchè no, apportare modifiche costruttive al sistema. Spesso infatti i prodotti open source, date le continue modifiche e le rapide evoluzioni a cui sono sottoposti, sono poco testati o comunque non vengono provati in tutti i campi opportuni. L'utilizzo del software open source da parte degli sviluppatori per lavori privati permette invece di comprendere tutte le sfaccettature di utilizzo del sistema dando la possibilità  di elaborare strategie di evoluzione efficaci in minor tempo e con migliori risultati. Qual è quindi la scelta migliore? Non sono stato capace di darmi una risposta e spero che qualcuno sappia indirizzarmi. C'è da dire che implementare soluzioni personali è una delle cose che mantiene vivo ed intrigante il lavoro di noi programmatori ...

Tags:
di Marco Casario Commenta

Se ne parlava oggi sulle news di HTML.it, mi sembra giusto quindi riportare che Macromedia ha rilasciato una patch per il Flash Player 7 su sistemi operativi Windows. La vulnerabilità  riscontrata permetteva di eseguire da un'entità  esterna codice su un sistema in locale.Ecco come riporta la notizia CNET|NEWS : Macromedia has released a patch for its Flash Player 7 and all earlier versions running on the Microsoft Windows operating system. The serious vulnerabilities could allow outsiders to run arbitrary code on an affected system, according to a security advisory issued last week by Macromedia.Macromedia is advising people to upgrade to its Flash Player 8. Security company eEye Digital Security noted the problem in an advisory in late June and followed it up with published details once Macromedia had issued a patch.

3.4 Mb di download aprono in Google Talk, l'instant messenger di casa Google, la possibilità  di effettuare videochiamate. Il tool si chiama Festoon, era conosciuto prima d'ora per la propria interazione con Skype e da oggi si presta anche ad un uso con l'IM di Google. Speedblog lo ha provato: Videochiamare da Google Talk con Festoon è semplicissimo. Si scarica il software (3,4 Mb solo per Windows) e si installa. Festoon chiede lÂ’autorizzazione ad utilizzare Skype e chiede il login di Google Talk. A questo punto propone di selezionare la lista dei contatti ai quali inviare un messaggio per scaricare Festoon e quindi videochiamare. [...] Il plugin è utile infatti anche ad attivare una chiamata audio in conferenza, funzione già  attiva in Skype ma non ancora in Google Talk. La qualità  video è sufficiente e la qualità  audio buona. Come per la versione Skype, il video può essere trasmesso con diversi effetti speciali. EÂ’ attiva anche la condivisione del desktop o delle finestre di alcuni dei programmi attivi. Qui l'intero report Speedblog.

Tags:
di Alessandro Fulciniti 7 Commenti

Sto lavorando ad uno script che molto probabilmente troverete nelle pagine di PRO tra breve. Un'operazione piuttosto ricorrente dello script è verificare se una stringa è contenuta all'interno di un'altra. Inizialmente il codice che ho usato era qualcosa del tipo: if(s.indexOf("stringa_da_cercare")>=0){     //fai qualcosa     } Sebbene sia un approccio semplice, trovo che sacrifichi un po' la leggibilità . Mi sono chiesto: ci sarà  un modo un po' più pulito per farlo? (more...)

Google vola

7 Nov

Google vola. E lo fa con un "Boeing 767-200 di seconda mano, che è in grado di trasportare circa 180 passeggeri" (Fonte ANSA). Così riporta l'agenzia: C'è un'aura di mistero sull'operazione, anche perché il 'Google Force One' [...] non è il mezzo preferito dai manager statunitensi che optano sempre più per l'agile Gulfstream. Così come è un mistero il prezzo pagato anche se, sulla base dell'età  del mezzo (consegnato dalla Boeing nel 1987), gli esperti del settore hanno parlato di 15 milioni di dollari o forse meno.Se il prezzo è meno di un terzo di quello di un Gulfstream nuovo di zecca, Page e Brin si rifanno proprio con il numero dei passeggeri trasportabile - che dovrebbe attestarsi sulle 50 unità  per le limitazioni poste dalle regole federali sulla sicurezza aerea - oltre che con l'allestimento di due cabine di lusso, doccia, sala da pranzo e ricevimento. In più, secondo il Wall Street Journal, ci sarebbero almeno 12-16 sedili di prima classe per gli ospiti o gli stessi dipendenti della società .Il Boeing si troverebbe attualmente a San Antonio, in Texas, mentre dai dati acquisiti dalla Federal Aviation Administration il velivolo sarebbe stato rilevato a marzo da una società  con un numero di telefono di Mountain View, il quartier generale californiano di Google. Nessuna indicazione dai diretti interessati, anche se Page ha ammesso - sia pure genericamente - di aver acquistato un aereo agli inizi del 2005, insieme al suo alter ego Brin. (more...)

Tags:
di Gabriele Farina 1 Commento

Chi sviluppa programmi desktop non può non aver mai sentito parlare di wxWidgets (prima chiamato wxWindows), una libreria open source che semplifica notevolmente lo sviluppo di applicazioni desktop multiplatform grazie ad un layer di astrazione ad oggetti ben organizzato e funzionale.Moltissimi sono i progetti sviluppati con questa libreria, di ormai indubbia stabilità : basta dare un'occhiata alla pagina Who uses wxWidgets per averne un'idea. (more...)

di Francesco de Francesco 11 Commenti

Per chi scrive molto, un link ad un dizionario online. Si tratta del Dizionario della lingua italiana De Mauro della Paravia.Sono sempre alla ricerca di nuovi dizionari per avere informazioni sulle parole nuove. Questo che vi ho riportato ne contiene molte non trovate su altri dizionari.Ovviamente il giudizio su un dizionario non è legato solo al numero dei lemmi riportati, però avere un riscontro relativamente ad una parola che si vuol impiegare è decisamente preferibile alla semplice attestazione del suo uso fatto mediante una ricerca su un motore.

Tags:
di Cesare Lamanna 5 Commenti

Credo che molti di voi abbiano sentito parlare di Browsercam. àˆ un servizio per effettuare test di compatibilità  incrociata su uno svariato numero di browser. Un'ottima risorsa se si ha necessità  di verificare come rende un sito su programmi e piattaforme che per qualunque motivo non possiamo avere a disposizione. Per capire come funziona può essere utile dare un'occhiata a questa pagina. Pur potendo essere testato gratuitamente per 24h, Browsercam è a pagamento (qui il listino). Questa estate è spuntato fuori il progetto di un giovane studente tedesco, un'alternativa free a Browsercam: Browsershots. Provatelo, ma sappiate che i tempi d'attesa per ricevere gli screenshot (almeno con certi browser) sono diventati biblici.Online Image Splitter è un altro dei tool di HTML Kit. Come suggerisce il nome, serve a creare versioni suddivise in più parti di grosse immagini (per velocizzare il collegamento), quello che fanno programmi come Fireworks o Photoshop con le cosiddette slice. Oltre a fare a fettine l'imamgine, il servizio restituisce il codice HTML necessario a 'riattaccare i pezzi' nelle nostre pagine web.Se avete bisogno di migliorare le funzionalità  di una textarea potete affidarvi a Textarea Tools. La pagina linkata contiene tutti gli esempi e il collegamento al file da scaricare.Rimanendo in tema di moduli. Da conservare tra i preferiti come utile reminder: 10 Tips to a better form.Per i più spericolati: Variables in your CSS via PHP.