Sono davvero molti i link interessanti in cui mi sono imbattuto negli ultimi tempi e ho pensato di riassumerli in questo post. Partiamo da Javascript. àˆ stato annunciato la scorsa settimana il vincitore dell'AddEvent Recording Contest. Dean Edwards, uno dei tre giudici e conosciuto a molti per lo script IE7, ha proposto... la sua soluzione. Via del.icio.us scopro Moo.fx una liberia veramente piccola ed efficace per avere effetti di transizione su opacità  e dimensioni con Javascript. Davvero un buon lavoro, e mi fa molto piacere che sia stata sviluppata da un italiano. Per quanto riguarda i CSS, avrei voluto segnalare da un po' la CSS table Gallery, come un CSS Zen Garden ma dedicato esclusivamente alle tabelle. Il numero dei lavori è in costante aumento, e ce ne sono alcuni davvero belli. Mi raccomando di visualizzare gli esempi con Opera, Mozilla o Safari dato che ci sono degli effetti molto interessanti che usano selettori non supportati da IE5.x o IE6.Ripassare o approfondire la teoria è sempre utile, soprattutto se le fonti sono scritte bene. Roger Johannson ha appena pubblicato la terza e ultima parte sui selettori CSS (qui i link alla prima e alla seconda parte). Dustin Diaz presenta una guida agli shorthands, le scorciatoie tanto preziose per scrivere CSS efficienti e leggeri.Un risorsa non recentissima ma molto utile: i Cheat Sheets. Sono da stampare e tenere a portata di mano sempre: ciascuno viene presentato in una pagina unica come immagine PNG o documento PDF. Troverete i cheat sheets su CSS, Javascript, entità  HTML e molti altri.Ben otto layout liquidi usando markup davvero minimale in One clean HTML markup, many layouts.... Anche se il CSS degli esempi è davvero conciso ed efficace, è un peccato che l'autore abbia usato il workaround display:inline-block che impedisce la validazione CSS di livello 2 (anche se è un valore lecito per la proprietà  display nei CSS 2.1) per sistemare le cose su IE. Ho la sensazione che forse si poteva evitare...Per concludere un po' di anticipazioni. CSS Beauty, il noto sito showcase, sta per lanciare il CSS Shuffle, che sarà  come CSS Zen Garden ma sotto forma di contest con dei premi: speriamo che nel markup di partenza ci sia un vero e proprio menu da personalizzare con i CSS.Scopro ora che il CSS Reboot versione autunnale conta ben 930 partecipanti che il primo novembre presenteranno i redesign dei loro siti. Una previsione scontata: mi aspetto un vero e proprio boom delle gallerie CSS la prossima settimana.

Continua a leggere Bookmark CSS e Javascript

Categoria: Web Standards

Il Web Essentials 2005 tenutosi a Sidney a fine settembre è stato davvero uno degli eventi dell'anno, basta scorrere la lista dei nomi che si sono avvicendati su temi come CSS, accessibilità , Javascript.Del ricco programma ci restano note, podcast e presentazioni. Tra queste segnalo The elements of Meaningful XHTML di Tantek che tratta molto approfonditamente i fondamenti del markup semantico; la spettacolare Liquid Layouts with CSS: the joys, the pains the tears di Russ Weakley e ultimo in ordine di tempo Simply Accessible, il sito satellite di Derek Featherstone sull'accessibilità . Buona lettura!

Continua a leggere Web Essentials 05

Categoria: Web Standards

No, non vorrei per lÂ’ennesima volta tentare di convincere qualcuno di quanto siano importanti lÂ’usabilità , lÂ’accessibilità , così come non vorrei spiegare cosa dice la Legge Stanca, ormai conosciuta da tutti gli addetti ai lavori.Vorrei attirare la vostra attenzione, invece, su un altro aspetto. Molti credono che la Pubblica Amministrazione sia indietro sulla tecnologia, sui metodi e sulla professionalità  e la cosa a volte può essere vera (almeno per certi settori). (more...)

Continua a leggere Legge Stanca: punto di arrivo o di partenza?

Categoria: Web Standards

Via SimpleBits e StyleGala arrivo ad un sito dal design molto interessante: quello di Derek Powazek. L'idea di base è semplice: il contenuto prima di tutto, e così perchè non avere la navigazione nel footer?L'autore, che ha realizzato tra l'altro il nuovo design di Technorati, descrive le ragioni della navigazione-footer in un post intitolato Embrace your bottom. Ecco la traduzione del passo più interessante:È arrivato il tempo in cui i designer inizino a pensare al footer come parte del design di un sito. Il fondo di una pagina è il bacio alla fine di un appuntamento, e stiamo facendo siti che si concludono senza neanche una stretta di mano. (more...)

Continua a leggere La navigazione non convenzionale

Categoria: Web Standards

Dare una visione d'insieme dei Web Standards che sia semplice ma allo stesso tempo minuziosa è un progetto molto ambizioso per la vastità di argomenti da trattare. Russ Weakley, uno dei miei autori preferiti, ci riesce benissimo in Basic webstandards Workshop, un vero e proprio manifesto del webdesign moderno. Meritano una lettura attenta anche i suoi molti tutorial. Un articolo di livello simile a quello del workshop, anche se con un approccio un po' diverso, è Developing With Web Standards di Roger Johannson. È un peccato che entrambe le pubblicazioni non includano una sezione relativa a Javascript: tre letture che possono costituire un ottimo complemento sono Unobtrusive Javascript di Chris Heilmann, Ten Good Practices for writing javascript in 2005 di Bobby Van Ders Luis e Creating Accessible Javascript di Jared Smith.

Continua a leggere Introduzione ai Web Standards

Categoria: Web Standards

Un post pubblicato di recente su IEBlog inizia a rivelare alcuni dettagli implementativi di IE7. Ma facciamo un attimo un passo indietro, dato che tutto è iniziato in questa calda estate. Il 27 luglio 2005 IEblog annuncia la beta 1 di IE7 (ricordo che per versione beta di un software si intende una versione in fase di test, e lontano dall' essere definitiva). La beta di IE7 è però disponibile solo agli sviluppatori con abbonamento a MSDN... il che la rende quasi una beta privata. (more...)

Continua a leggere IE7: uno sguardo al futuro

Categoria: Web Standards

di

Per molti anni abbiamo accettato la regola non scritta della tipografia sul web. Ovvero: i font Sans-Serif sono più adatti per i testi più piccoli a schermo, mentre i Serif sarebbero dei caratteri più orientati alla stampa.Ma quali sono i pro e i contro nell'uso di queste due macrofamiglie di font?La cosa positiva dei Serif è che dovrebbero essere letti più facilmente anche da persone dislessiche e anche su schermo.La cosa negativa sta nel fatto che queste famiglie di caratteri, possono risultare illeggibili sotto una dimensione di 12pt. Con XP dovrebbe essere tutto risolto da ClearType, una nuova tecnologia che consente una migliore leggibilità sul web. Ma quanti utenti hanno XP? Parlando di Sans-Serif invece possiamo dire che possono essere letti anche se settati a piccole dimensioni, ma questi ultimi sono poco leggibili per le persone dislessiche.In questo post (in lingua inglese) sono trattati i due argomenti, puntando anche lo sguardo all'accessibilità. Il mio consiglio è di dargli un'occhiata.

Continua a leggere Serif Vs. Sans-Serif

Categoria: Web Standards