Ovviamente vi auguro che non vi sia capitato e che non vi capiti, ma se avvenisse?Avete avuto le indicazioni, predisponete una prima bozza, ne predisponete una seconda, poi una terza. Al cliente non ne piace nessuna.Ne fate ancora due o tre, e niente, il cliente non è ancora soddisfatto.Se dovesse capitarvi una situazione simile, che fareste? Se vi è già  capitato, cosa avete fatto? Se foste voi il cliente, che vorreste che si facesse?Io credo che occorra pensare allÂ’evenienza. Facciamo tutto cià che possiamo perché non si arrivi a questo punto, ma prendiamo in considerazione che possa succedere. Che dice la nostra offerta? Contempla la cosa? Andiamo avanti ad oltranza o desistiamo? Il lavoro fatto, chi lo paga?

Continua a leggere Quando il cliente non decide

Categoria: Web Design

Le leggi e le tendenze della demografia sono difficilmente eludibili. Che si parli di pensioni e welfare state o di siti internet, la sostanza non cambia: nei paesi occidentali si va incontro ad un invecchiamento della popolazione. Su Sitepoint si ragiona su come di tutto cià si debba tenere conto anche nel web design. Ecco il link: Improve Usability for Older Users.Oltre alla lista di consigli finale, l'articolo riporta i risultati di 16 sessioni di test di usabilità  svolte con persone anziane (oltre 65 anni di età ) e più giovani (meno di 40).

Continua a leggere Progettare siti per gli anziani

Categoria: Web Design

Tags:

Segnalo questo articolo di Stephanie Sullivan perché mi ha chiarito bene la faccenda del parametro wmode usato nell'inserimento di filmati Flash in una pagina HTML e perché mi ha fatto scoprire una cosa che non sapevo.Riguardo a wmode, l'autrice prende le mosse da un problema noto: i menu DHTML che se posti nelle vicinanze di un movie Flash vanno a 'nascondersi' dietro di esso risultando così inusabili (ecco l'esempio). La soluzione consiste, come molti sanno, nell'uso dei valori opaque (esempio) e transparent (esempio) per il parametro.Quello che non sapevo è che usando questi due valori si ottiene un risultato importante in termini di accessibilità : il filmato viene nascosto agli screen reader che così saltano direttamente ai contenuti rilevanti della pagina (ottimo nel caso di animazioni/banner o di amenità  varie create con il programma di Adobe). Vi lascio alla lettura dell'articolo per i dettagli.

Continua a leggere Flash, DHTML e gli screen reader

Categoria: Web Design

Qualche volta mi capita e ieri è stato particolarmente forte. Un momento di tristezza per quello che stavo vedendo. Da molti anni conosco questa organizzazione e visito regolarmente il loro sito. Posso dire quasi tutti i giorni. A volte per lavoro, a volte per mio diletto e desiderio di nuova conoscenza e miglioramento di quanto già  so.Parlo con molti miei conoscenti ed anche loro la considerano un punto di riferimento importantissimo. Varie volte è stata citata su questo blog e su altri lo è di continuo. (more...)

Continua a leggere Momento di tristezza

Categoria: Web Design

Apriamo la settimana con un po' di segnalazioni sul web design.Sono stati da poco pubblicati i risultati del Web2.0 Awards che presenta i siti del Web 2.0 che meglio si sono distinti per design o servizio offerto. Personalmente, sono rimasto sorpreso nel vedere che servizi quali Bloglines e del.icio.us non abbiano ottenuto il gradino più alto del podio nelle loro categorie. Ottima la menzione d'onore per Valerio Proietti e il suo mad4milk nella categoria Web Development & Design.Per un contest che finisce, uno che ne inizia. àˆ stata lanciato la scorsa settimana The Style Contest for Movable Type, Typepad and LiveJournal un contest in cui sono previsti premi decisamente appetitosi per i migliori template per queste piattaforme di blogging, un po' com'è già  successo per TextPattern, Typo e WordPress. Se avete buone capacità  grafiche, padronanza dei CSS e tempo libero, vale la pena di tentare. Concludo con la segnalazione di un'articolo che si colloca giusto a metà  tra graphic design e architettura dell'informazione. In Designing a Guided Tour Andy Rutledge presenta alcune analisi interessanti su come l'occhio di un visitatore possa essere agevolato da un design efficace: una lettura molto piacevole e diversa dal solito.

Continua a leggere Web design: i bookmark del lunedì

Categoria: Web Design

Ogni tanto ricevo richieste di aiuto da giovanissimi web-apprendisti con tanta voglia di imparare e tanta confusione rispetto a quelli che potremmo chiamare saperi fondamentali su web design e dintorni.La mia consulenza non può essere, diciamo così, professionale, visto che non sono un professionista del settore. Tutto quello che so l'ho imparato da dilettante, girovagando per la rete e aiutato dalla conoscenza dell'inglese (che infatti metto sempre al primo posto nella lista dei consigli).Il fatto è che i ragazzi hanno spesso bisogno di percorsi ben definiti, anche perché avvertono subito che la tuttologia porta subito alla dispersione di risorse e quindi all'inevitabile frustrazione.In genere, cerco di far capire che 'fare siti' è un punto di partenza troppo generico. Chiedo: 'Ti senti più portato per gli aspetti legati alla grafica e al design o per quelli più vicini alla programmazione?'. In base alla risposta li oriento verso un percorso specifico che contempli, ad esempio, lo studio di specifici linguaggi. Si arriva quasi sempre, poi, alla questione dei libri e dei manuali.Io ne conosco veramente pochi, per cui mi limito a rimandarli a risorse presenti su internet. E qui potete venirmi in aiuto voi. Partiamo dalla triade HTML - CSS - Grafica/design. Mi mettete nei commenti un tris di libri o manuali che ritenete davvero fondamentali? Grazie sin da ora (poi magari replichiamo con quelli più legati alla programmazione).

Continua a leggere Web design: i libri e manuali fondamentali

Categoria: Web Design

Arghhhhhhhh! Entro nel sito ed ecco qui una bella musica dÂ’accoglienza. La odio!Premetto che io non faccio testo. Non metterei una musica su un sito per nessun motivo. Neppure su quelli che alcuni chiamano siti emozionali, ecc. ecc.La musica, che mi piace molto, preferisco sentirla sullo stereo di casa ed in altro momento. Capisco che far arrivare un messaggio mediante vari canali, possa migliorare la comunicazione, ma io credo che i vantaggi che si ottengono, soprattutto viste le scelte musicali e visti i siti su cui spesso mi trovo la musichetta, non sono compensati dai disagi che si provocano.Perà, visto che alcuni la musica la vogliono, possiamo almeno tentare di arrivare ad un compromesso? Vorrei ben visibile un pulsante di spegnimento. Lo so che posso agire su quello del PC, ma il suo sul PC mi serve ad altro e non voglio spegnere “il generale” per togliere la voce ad un sito. Non si può mettere il suono come opzionale ed avviare senza? Un pulsante potrebbe servire per accendere. Sui siti aziendali, di servizio, di informazione, per favore, no. La musica occupa banda. Qualcuno lo ricorda? Su siti già  lenti, evitiamo. Possiamo scegliere musiche che non abbiano toni troppo alti? Diventa una sirena, se no!

Continua a leggere Musica sì, musica no

Categoria: Web Design

Tags: , ,

L'ultimo articolo di Digital Web Magazine presenta una tecnica basata su Javascript e CSS per adattare in maniera indolore il layout di un sito alla risoluzione dello schermo. Tutto nasce, stando all'autore, dalla necessità  di prendere sempre più in considerazione le alte risoluzioni degli schermi wide dei portatili (ma non solo, il mio iMac Intel ha un monitor di questo tipo, per dirne una) senza voler trascurare quanti viaggiano ancora a basse risoluzioni.La parte Javascript si limita a rilevare la risoluzione dello schermo, per poi servire un CSS ad hoc per ciascuna situazione. Nei fogli di stile, poi, si gioca con float e width per aggiustare tutto. Ecco un esempio.

Continua a leggere Web design e widescreen

Categoria: Web Design

Io ipotizzo che se Dante Alighieri fosse vissuto ai giorni nostri, sarebbe potuto essere uno scrittore di contenuti web (web content editor). Non credo avrebbe avuto difficoltà  a trovare argomenti. Penso, inoltre, che avrebbe saputo ben controllare e gestire lÂ’evoluzione delle forme di scrittura e della lingua stessa.Leonardo da Vinci, invece? Che lavoro farebbe oggi, se fosse nostro contemporaneo? (more...)

Continua a leggere Se fosse vissuto oggi, Leonardo da Vinci che lavoro avrebbe fatto?

Categoria: Web Design

Voglio parlarvi di un articolo che ho letto su SiteReference. Si intitola The Surprising Truth About Ugly Websites. Più o meno: La sorprendente verità  sui brutti siti web.E quale sarebbe la sorprendente verità ? Che molti siti brutti funzionano. L'autore parte dall'esempio di Plenty of fish, un servzio di dating che ricava $10.000 al giorno con AdSense e che tutte le volte che l'ho visitato in questi giorni aveva non meno di 3.000 utenti collegati. Funziona, insomma. Come Craiglist, del.icio.us o eBay. Ma il design?L'articolo di Mark Daoust cerca di indagare le ragioni che possono trasformare il brutto anatroccolo nella gallina dalle uova d'oro e si sofferma su fattori, diciamo così, ovvi come la semplicità  d'uso. C'è però una parte del suo ragionamento che mi piace evidenziare e condividere con voi.La mancanza di professionalità  e di cura dei dettagli nel design può portare il mitico utente medio (che tecnologicamente e culturalmente non è magari persona sofisticata) a fidarsi di più, perché sente che dietro quel sito non c'è un'organizzazione asettica e impersonale, ma individui come lui. L'apoteosi del ruspante, insomma, del genuino, anche sul web.

Continua a leggere Il brutto che funziona

Categoria: Web Design