Git Cola

gitcola

Partiamo da Git Cola, questo progetto punta alla semplicità e offre le feature di base per poter gestire le operazioni di version control senza tediare l'utente con funzionalità extra. È il classico esempio di software open source che fa esattamente quello per cui è stato pensato, e basta. La sua interfaccia è divisa in quattro pannelli che coprono i vari aspetti delle gestione di un Git repository.

Con Git Cola è molto semplice visualizzare a colpo d'occhio le differenze tra i vari commit e navigare rapidamente tra i branch. Questo tool è realizzato in Python con una UI in GTK, dunque si può integrare con le interfacce dei principali Desktop environment.

GitEye

giteye

Passiamo a GitEye, è un programma crossplatform freeware che non necessità di installazione ma si configura come una "portable app", dunque basterà cliccare sul binario precompilato per avviare il client senza necessità di installazione. Rispetto a Git Cola ha una UI decisamente più dettagliata con un buon file tree browser posizionato alla sinistra dello schermo.

Navigare ed eseguire il controllo dei vari branch è molto intuitivo, inoltre GitEye dispone di un sistema di track della cronologia dei vari file e delle build del progetto.

Gitg

gitg

È il turno di Gitg, il default graphical Git client di GNOME, tutti i developer che usano questo ambiente grafico sulla propria distribuzioni dovrebbero dargli almeno un'occhiata. Dispone di un ottimo sistema di visualizzazione dello storico del progetto e permette di selezionare il branch che desideriamo al volo.

Inizialmente il commit screen potrebbe risultare confusionario, ma dopo un po' ci si fa l'abitudine e diventa molto semplice da sfruttare.

QGit

qgit

Andiamo adesso su QGit, un client Git con una UI sviluppata in Qt che si presta ad essere sfruttato su Plasma Desktop anche se, di base, può essere usato ovunque. Dispone di un'eccellente visual representation della project history, dalla quale è possibile visionare i vari commit e quali file sono stati modificati.

Dal suo file tree browser si possono anche verificare i cambiamenti fatti nelle varie revisioni. QGit ha un approccio più "classico" rispetto alle alternative precedenti, gran parte dei controlli si trovano sparsi tra le toolbar e i menu dove è possibile controllare il tutto da una UI semplice e lineare.

SmartGit

smartgit

Concludiamo con SmartGit, un programma proprietario gratuito per uso personale che richiede il pagamento di una licenza per l'uso aziendale. SmartGit ricorda da vicino un IDE e se siete abituati a programmi come Netbeans o Eclipse vi sentirete a casa.

Viene pacchettizzato con svariati tool e utility che permettono al developer di controllare al volo il flusso delle modifiche al codice. Ha eccellenti capacità di highlighting del codice e dei commit cosi da poter trovare i cambiamenti in pochi istanti. Nella sua toolbar sono presenti le funzioni più utilizzate che assicurano un controllo quasi perfetto dei repository Git.

2 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

io uso sourcetree...

Michele
Michele

avrei inserito anche gitkraken

test
test