Questo nuovo tool open source permette di eseguire le immagini di alcune delle distribuzioni più gettonate tra quelle presenti sul mercato, rendendo dunque Windows 10 una piattaforma perfetta per avviare sistemi Linux e sviluppare progetti software multipiattaforma.

Microsoft ha quindi deciso di far evolvere WSL permettendo non solo di avviare i programmi da shell ma un intero sistema operativo. L'obbiettivo dell'azienda californiana è permette agli sviluppatori di realizzare un proprio sistema Linux personalizzato che si adatti alle varie esigenze dei team e che permetta all'occorrenza di utilizzare i tool proprietari di Microsoft esclusiva dei sistemi Windows.

Microsoft ha già rilasciato, nello suo store ufficiale, delle ISO Linux dedicate a WSL DistroLauncher, ovvero: Ubuntu, SUSE, Kali Linux e Debian. Ovviamente non è escluso che in futuro la quantità di distro supportate ufficialmente si estenda, integrando anche altri sistemi più popolari come Arch Linux o Fedora. Questo nuovo progetto Microsoft ha reso Windows 10 più appetibile per le aziende che sono alla ricerca di un ambiente di sviluppo semplice da utilizzare e che permetta ai developer di adottare i software che ritengono più adatti pr il proprio lavoro.

I file ISO delle distribuzioni ufficialmente supportate saranno disponibili direttamente dallo Store Microsoft cosi da assicurare l'avvio di ambienti sicuri ed ottimizzati. Dunque grazie a WSL DistroLauncher adesso Linux è, virtualmente, arrivato praticamente su ogni PC con Windows 10. Il codice del tool è disponibile sul repository di Github di Microsoft.

Via Bleeping Computer

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *