Secondo "Lo stato dell’arte: il mercato Internet of Things 2017", infatti, il 73% dei manager studia e/o utilizza i sistemi IoT e il mondo vede già 8 miliardi e 400 mila oggetti smart in uso nel 2017, ossia il 31% in più rispetto al 2016. I dati positivi sono da attribuire al mercato B2B, dove un generoso taglio dei costi, pressioni legislative e nuove tecnologie di rete hanno permesso un incremento sostanziale dello sviluppo dell'IoT.

La loro declinazione attuale? Nel campo dei trasporti, delle utility e della produzione. Sono le aziende le pioniere dell'Internet delle Cose, che ne permettono lo sviluppo e incentivano la costruzione dei prototipi, anche se tuttavia, i dubbi sull'IoT e su una sua eventuale applicazione estesa persistono: oltre ad una non scalabilità ed una poca intuitività, è sempre preponderante anche l'eterna discussione sulla sua sicurezza.

Eppure, stando al report di Verizon, s'intravedono già le tecnologie pronte a smentire le paure degli early-adopter: in un futuro prossimo le piattaforme IoT già esistenti saranno non solo più affidabili, ma anche di semplice utilizzo, permettendo uno snellimento della quantità di applicazioni necessarie. Si abbatteranno anche i costi, grazie all'avanzamento della tecnologia e i nuovi chipset CAT-M1, mentre in campo sicurezza, prioritario sotto tutti i punti di vista, nuove soluzioni verranno messe in gioco per garantire la raccolta, l'analisi e l'integrazione di dati in ambienti protetti.

Il report propone anche alcuni esempi di successo, come l'analisi dei dati per combattere la contraffazione in campo farmaceutico o i droni capaci di effettuare operazioni in campo edile tagliando i costi di sopralluoghi o ristrutturazioni. Ed è per questo che nel 2017 si registra un avvicinamento sostanziale delle aziende all'IoT, che cambia totalmente le carte in tavola registrando progressi tecnologici, sociali e aumenti di fatturato.

Via: Where we've been and where we're going: IoT in 2017

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *