Flash infatti sta vivendo un periodo di lento e sistematico declino a causa delle nuove tecnologie web come HTML5, CSS3 e JavaScript nonché della sua pressoché totale assenza dall'ecosistema mobile; è poi notizia di pochi giorni fa che tale tecnologia, così come il Flash Player, verrà abbandonata entro la fine del 2020.

Per il promotore dell'iniziativa, nonostante le diverse problematiche che lo hanno coinvolto Flash rappresenta un importante pezzo di storia di Internet e merita di essere ricordato anche in futuro per il ruolo che ha avuto.

Rendere open source le specifiche tecniche di Flash è l'unica soluzione per permettere ai progetti creati in questo formato di essere conservati senza problemi di retrocompatibilità. Infatti il vantaggio del codice open source è che può essere sempre recuperato o riciclato da utenti diversi dagli autori di un progeto, anche per semplici scopi didattici.

Inoltre l'apertura del sorgente da parte di Adobe renderebbe più semplice ai developer la conversione dei file swf/fla verso altri standard open source come HTML5, WebGL WebAssembly. Senza contare che in questo modo sarebbe molto più facile realizzare player standalone per poter avviare i vecchi giochi Flash a scopo di retrogaming. Ad oggi esistono infatti decine di titoli realizzati Flash che sono stati enormemente in voga per anni e che attualmente rischiano di non essere più compatibili con le moderne piattaforme.

Via Petition to open source Flash spec

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Penso che sia un'ottima idea. A livello di immagine la Adobe non dovrebbe rifiutarsi di rendere pubblici i codici, anche perchè non ha nessun costo per loro.

Francesco Furlone
Francesco Furlone