ARCore 1.0 è disponibile direttamente sul Play Store per 13 device, ovvero: Google Pixel, Pixel XL, Pixel 2/XL, Samsung Galaxy S8/S8+, Note8, S7/S7 edge, LGE V30/V30+ (solo con Android "Oreo"), ASUS Zenfone AR e OnePlus 5. Mountain View sta però lavorando con i propri partner in modo da espandere la platea di device supportati, ad esempio è già in contatto con i team di Huawei, Xiaomi e Sony Mobile per migliorare il supporto ai device in commercio di queste aziende.

In ARCore 1.0 gli sviluppatori hanno notevolmente migliorato gli algoritmi di riconoscimento ambientale, ora i developer di terze parti possono posizionare i vari virtual asset in modo più preciso rispetto alle versioni precedenti, cosi da migliorare l'esperienza utente generale delle varie applicazioni di realtà aumentata. Il codice di ARCore 1.0 è già stato incluso in Android Studio Beta, quindi è possibile iniziare a lavorare sulla propria propria applicazione tramite l'emulatore della suite di sviluppo.

logo_ARCore_lockup_Horizontal.max-1000x1000

Le applicazioni per la realtà aumentata spaziano dal gaming fino agli assistenti virtuali per le automobili. A dimostrazione della potenzialità di ARCore 1.0 l'azienda californiana ha anche rilasciato una nuova versione di Google Lens. Questo nuovo upgrade permette agli utenti di ottenere una vera e propria Smart(er) camera, con capacità di riconoscimento degli oggetti in contesti di vario tipo.

ra

Durante l'ultimo Mobile World Congress è stato mostrato come con l'integrazione di Google Lens in Google Camera sia possibile ottenere numerose informazioni sull'oggetto fotografato, ad esempio se si scatta la foto di un testo è possibile analizzarlo e cercare informazioni sull'argomento trattato semplicemente sottolineando la parola che ci interessa.

Si tratta però di feature ancora in fase di sviluppo, disponibili in forma di preview. Esistono comunque funzionalità per la realtà aumentata già utilizzate da anni da Google, ad esempio Translate permette di fotografare un testo e di ottenerne la traduzione in tempo reale nella lingua desiderata. Quindi l'era delle Smart(er) camera è in arrivo e Google ha in programma di integrare il tutto con l'assiste virtuale presente su tutti gli smartphone Android, Assistente Google.

Via Google

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *