Asay afferma che Javascript non è stato pensato per essere usato all'interno di grandi team e progetti. Di solito infatti le grandi aziende si rivolgono a soluzioni alternative proprio perché si adattano meglio allo sviluppo su larga scala. Tuttavia tale "difetto" non ha impedito a Javascript di imporsi negli anni.

L'autore suggerisce quindi un'alternativa ben precisa a Javascript: Typescript, un linguaggio libero ed Open source sviluppato da Microsoft. Tecnicamente parliamo di un Super-set di JavaScript che basa le sue caratteristiche su ECMAScript 6. TypeScript estende la sintassi di JavaScript, in questo modo qualunque programma scritto in JavaScript è anche in grado di funzionare con TypeScript senza alcuna modifica. TypeScript è stato progettato per lo sviluppo di applicazioni complesse e una volta compilato produce codice JavaScript.

Diversi sviluppatori si sono rivolti a varie alternative per cercare di risolvere i "deficit" di Javascript, ad esempio CoffeeScript ha avuto un discreto successo e non fa altro che transcompilarsi in JavaScript. Secondo Asay Typescript non ha invece la pretesa di voler "riscrivere Javascript", ma si pone come una via di mezzo tra Java e Javascript. Di base guida il developer imponendogli qualche regola ma al contempo lo lascia libero di "rompere le regole" in modo occasionale. Inoltre è molto facile da apprendere e padroneggiare.

Su GitHub TypeScript si è classificato come uno dei linguaggi più popolari (15esimo su 316) e il 10% delle discussioni su Stack Overflow riguardano proprio TypeScript. Dunque in questi anni questo linguaggio sta riscuotendo un successo crescente, sopratutto presso chi ha la necessità di un linguaggio per lo sviluppo di applicazioni JavaScript su larga scala. In un prossimo futuro TypeScript potrebbe diventare un nuovo standard di riferimento per quanto riguarda la programmazione web.

Via Matt Asay

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

C'è uno qui che scrive decine di articoli a riguardo su cosa fare o non fare per la corretta realizzazione/gestione/navigazione dei siti internet. Proprio questo sito (IMHO) è uno dei peggiori: appena entrato un banner a schermo intero a tempo per ben 15 secondi, trascorsi i quali c'è ancora da attendere il caricamento e la corretta sistemazione di quelle INUTILI immagini sovrapposte e, una volta fatto ciò, mentre finalmente si ha la possibilità e si è intenti a leggere la pagina si autoricarica??? ma dai!!!

Gmaxino
Gmaxino