I developer hanno anche sostituto il proprio hypervisor con KVM, che è presente di default all'interno del kernel Linux. Inoltre OpenVZ 7.0 è diventato una distribuzione Linux completa, basata su VzLinuix.

La principale differenza tra Virtuozzo (la versione commerciale del progetto) e OpenVZ sta nell'EULA e nell'Anaconda Installer. Su OpenVZ 7.0 è arrivato anche il RHEL7 kernel oltre, ovviamente, al KVM/QEMU hypervisor.

Su OpenVZ 7.0 i guest tools per le macchine virtuali permettono di eseguire comandi per impostare la password utente, i network settings e per cambiare i SIO.

Il team ha anche creato un Unified management dei containers e delle virtual machine KVM con i prlctl tool, cosi da ottenere un toolset universale per tutte le esigenze di CT/VM management. Da questa release gli UUIDs verranno usati per identificare sia le macchine virtuali che i containers e le immagini HDD delle virtual machine verranno ora salvate in formato QCOW2.

Via Sergey Bronnikov

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *