Android

Il sistema sviluppato da Google detiene, secondo i dati del noto portale StatCounter, quasi il 40% del mercato e ad oggi ha superato perfino Windows come numero di installazioni. Questo trend non deve sorprendere considerando il fatto che le vendite di smartphone superano di gran lunga quelle del mercato PC, in flessione da diversi anni.

Questo non vuole dire che il mercato PC sia in definitivo declino, ma attualmente il segmento consumer è dominato dalle aziende di telefonia. Gli smartphone spesso sostituiscono i PC per moltissimi utenti che non necessitano di tool specifici. Questo trend è confermato anche dalla forte richiesta di sviluppatori esperti nei linguaggi di programmazione web o dedicati agli ecosistemi mobile, come ad esempio Java.

In Italia la situazione non è molto diversa, Windows e Android sono praticamente testa a testa con un 39% per il sistema di Microsoft ed un 36% per quello di Google. Dunque è possibile affermare che Linux ha ormai fatto il salto di qualità che ci si aspettava da decenni, almeno in ambito consumer.

Desktop

Ma se volessimo considerare solo le distribuzioni "tradizionali", ovvero quelle Desktop? È difficile distinguere una distribuzione dall'altra, quello che cambia è la versione del kernel e il gestore dei pacchetti, ma virtualmente ormai le differenze sono minime. Alcuni portali come DistroWatch si basano sul numero di visite sulla pagina web della distribuzione, dunque per stabilire questo dato non contando le installazioni attive.

Da tale analisi emergere che Linux Mint è la distribuzione più popolare degli ultimi 12 mesi, seguita a breve distanza da Manjaro mentre al terzo posto vediamo Debian seguita poco dopo da Ubuntu.

Paradossalmente il sistema di Canonical, e diversamente da come ci si potrebbe aspettare, la distribuzione che ha portato più utenti all'ecosistema Desktop di Linux, non sarebbe anche il sistema più gettonato. Tuttavia se andassimo a visualizzare le ricerche su Google Trend la situazione si ribalterebbe, "Ubuntu" è infatti un termine più ricercato rispetto a quelli legati alle altre distribuzioni.

Dunque ottenere un dato certo sulla popolarità delle distribuzioni Linux per Desktop non è semplice, anche perché in molti casi oggi la scelta della distribuzione rispecchia più i gusti personali che questioni tecniche, progetti come Systemd o Wayland hanno ormai standardizzato gran parte dell'ecosistema.

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

dire che Mint è la distribuzione più diffusa è una boiata, basta vedere le statistiche dei siti più visitate per vedere la stragrande diffusione di Ubuntu. Chi sa cos'è Linux, in pochi, conosce giusto Ubuntu. Tutto il resto è per addetti ai lavori e Mint di sicuro è meno conosciuta di Arc, Debian, Gentoo, Tails, RedHat, Centos. Le statistiche di distrowatch non sono mai state affidabili, non capisco perché ci dobbiate costruire sopra un articolo...

test
test