L'articolo di oggi si focalizzerà sulle quattro skill che ogni developer dovrebbe sviluppare se intenzionato a lavorare nel settore delle intelligenze artificiali e del machine learning. Per molti analisti queste skill prima o poi diventeranno essenziali per poter lavorare e avere successo come developer.

Comprendere il senso del codice

Durante i processi di code review gli sviluppatori meno accorti trascurano non di rado uno dei processi più importanti: la comprensione del contesto nella quale è stato scritto il codice. Riuscire ad inquadrare come esso interagisce con il resto della piattaforma è fondamentale per padroneggiarlo pienamente. Questa skill è fondamentale sopratutto quando si utilizzano gli algoritmi per il machine learning e con le intelligenze artificiali, dove il codice è in costante interazione con altre componenti e con i vari device connessi.

La capacità di comprendere e di integrare nuovo codice è sicuramente una caratteristica vitale che i developer di nuova generazione dovranno avere.

Data analysis

L'analisi dei dati è un processo di ispezione, pulizia, trasformazione e modellazione di dati con il fine di evidenziare informazioni che suggeriscano conclusioni e supportino le decisioni strategiche.

Saper gestire ed analizzare i dati generati o da inviare ai sistemi di machine learning è essenziale. Ad esempio nell'implementazione dei processi di automazioneè vitale avere una buona competenza di data analytics oltre a dover sviluppare la capacità di pensiero logico e analisi delle situazioni.

Capire le esigenze del cliente

Uno sviluppatore deve conoscere e capire le differenze tra intelligenze artificiali e machine learning, conoscere in modo approfondito i loro confini e le rispettive applicazioni, cosi da poter soddisfare a pieno le esigenze del cliente che spesso non sa bene di cosa ha bisogno per il proprio business. Dunque uno studio accurato e continuo dell'ecosistema delle intelligenze artificiali, degli algoritmi di machine learning, dei loro processi e dei rispettivi tool può rivelarsi estremamente utile.

Networking

Coltivare i rapporti professionali porta enormi benefici non solo a livello personale ma anche a livello aziendale. Avere un rapporto diretto con un business decision maker permette di ottenere indicazioni sui processi di leadership, fattori che hanno applicazioni pratiche nel nostro modo di lavorare e nella scelta delle nuove tecnologia da adottare nel workflow. Non bisogna dunque focalizzarsi solo sulle skill personali ma anche nei rapporti interpersonali con i colleghi.

Via Leon Adato

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *