Di recente due dei principali servizi CDN (Content Delivery Network), Cloudflare e DreamHost, hanno implementato Brotli e le ultime release di Apache ed nginx hanno introdotto il supporto alla compressione dati tramite l'algoritmo di Google. Dunque i tempi sembrerebbero ormai maturi per una diffusione su larga scala del progetto promosso dal team californiano.

Secondo i benchmark effettuati dagli sviluppatori di Google, tramite Brotli sarà possibile ridurre il peso delle pagine Web scaricate dagli utenti fino al 25%, con un considerevole miglioramento della user experience e dei tempi di caricamento, anche in presenza di connessioni non performanti. Sicuramente i principali beneficiari di Brotli saranno gli utenti dei device mobile che hanno piani dati limitati e spesso devono navigare con velocità anacronistiche rispetto agli standard attuali.

Brotli potrebbe mandare in pensione lo storico Zlib, inoltre, trattandosi di una soluzione completamente open source gli sviluppatori indipendenti e le aziende possono modificarlo e adattarlo alle proprie esigenze proprio come è successo con Zlib negli ultimi decenni. Attualmente tutti i browser Internet più diffusi supportano la compressione dati tramite Brotli, dunque milioni di utenti possono già beneficiare del nuovo algoritmo di compressione.

Via Stefano Maffulli

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *