Avendo una conoscenza non approfondita delle tematiche relative all’accessibilità , non so se una cosa del genere possa essere davvero utile o semplicemente sensata. Mi limito a segnalare, allora, da questo post di Roger Johansson, due soluzioni che consentono all’utente di personalizzare a suo piacimento i tasti di accesso definiti dall’autore tramite l’attributo accesskey.

La prima è una classe PHP (c’è pure la versione ASP) creata da Gez Lemon e Rich Pedley. La seconda (di Jacques Distler) è basata invece su Javascript: navigando fino al footer della pagina con l’articolo potrete verificare direttamente il funzionamento.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
2 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Purtroppo sulle tastiere non ci sono tasti liberi: son tutti già  "presi" dai vari programmi che si potrebbero utilizzare sul web. In effeti nelle WCAG 2 dovrebbero scomparire.

Andrea Paiola
Andrea Paiola

La tendenza (che condivido) mi sembra sia quella di evitare gli accesskey in quanto non é possibile evitare a priori i conflitti con le combinazioni di tasti del client, sia questo solo un browser o peggio ancora quando é un browser screen reader. Le pagine sono navigabili da tastiera anche senza l'uso di accesskey.

Skid X
Skid X