Mountain View aveva fatto sapere già da tempo che avrebbe privilegiato i siti che utilizzano HTTPS, ma ora ci sarebbe anche la conferma dei dati: la presenza dei siti con HTTPS nella prima pagina di Google è in aumento, ovviamente a scapito di quelli che usano ancora HTTP. Per inciso, quando eseguite una ricerca su Google i siti con HTTPS sono distinguibili proprio perché viene mostrato il prefisso "HTTPS" nell'URL, mentre negli altri non viene nemmeno riportato il prefisso HTTP.

HTTPS non è strettamente richiesto, ma tutti i siti che chiedono l'inserimento di dati sensibili farebbero bene ad adottarlo, a prescindere. Ed è proprio per questo motivo che Google ha iniziato a considerarlo come fattore di ranking.

In altre parole, se i siti dei vostri concorrenti usano HTTPS, il vostro verrà penalizzato nel posizionamento nel caso in cui non lo utilizzi. Se invece i siti dei vostri concorrenti non lo utilizzano, in teoria potreste farne a meno. Ma:

  1. se il vostro sito chiede dati sensibili agli utenti (nome, indirizzo email o dati per effettuare pagamenti) sarebbe bene che l'avesse, a prescindere dal posizionamento;
  2. dato che si tratta di un fattore di ranking, nel caso voi lo abbiate e gli altri no vi avvantaggiate nei loro confronti.

Certo non è uno dei fattori di ranking principali, e quindi aggiungerlo potrebbe non favorirvi in modo rilevante. Il mio consiglio è quello di chiedere al titolare del vostro hosting qual è il costo di attivazione del servizio configurazione compresa. A seconda del prezzo (che varia un po' da hosting a hosting) sceglierete se vale la pena aggiungerlo o no. In genere in costi non sono comunque particolarmente elevati.

Prima di decidere fate un'accurata analisi della concorrenza, perché se i vostri competitor utilizzando HTTPS probabilmente non avrete scelta.

4 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Esatto. Guarda anche questo: https://support.google.com/webmasters/answer/6033049 Però, mi raccomando, è una pocedura da eseguire perfettamente, alla lettera, altrimenti rischi di perdere tutto il posizionamento? Vuoi un consiglio? Fattela fare da qualcuno che l'ha già fatta... ;-)

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Grazie, Marco. Ho trovato questo articolo: https://support.google.com/webmasters/answer/6073543?hl=it

Andrea
Andrea

Sì, Andrea, bisogna fare molta attenzione perchè il rischio c'è. C'è infatti una precisa procedura da seguire per dire espressamente a Google che non si tratta di un altro sito, ma dello stesso a cui è stato solo aggiunto l'https. So che c'è anche una guida ufficiale di Google che spiega come fare.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Ciao Marco. Una domanda: se attivo https per un sito, dato che cambiano gli url, non è che google deve reindicizzare tutte le pagine? Se così fosse, potrebbe esserci qualche effetto indesiderato? Grazie

Andrea
Andrea