Chi siamo? Dove viviamo? Quali sono i nostri titoli, cosa sappiamo fare, che studi abbiamo fatto? Dove e con chi lavoriamo? Quanto guadagniamo?

Sono più o meno queste le domande poste alla platea di designer, sviluppatori, esperti di usabilità , etc, etc, nel The Web Design Survey, 2007 organizzato da A List Apart. Scorrendo la lista delle domande si intuisce che è rivolto ad un audience internazionale (anzi, credo che evidenziare le differenze tra questa e quella parte del mondo sia sotto sotto uno degli obiettivi principali del sondaggio). Come è scritto nella presentazione, con una discreta conoscenza dell’inglese si fa tutto in dieci minuti. Rimaniamo curiosi in attesa dei risultati.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
20 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Salve, sono un potenziale cliente avendo la necessita' di un sito web mi sono rivolto ad alcune societa'.I tempi di realizzazione vanno dai 15 gg ai 2 mesi i prezzi variano da 700 euro a 4000(!)Possibile non ci siano delle tabelle di riferimento ? Nel settore vige la confusione piu' totale ed io povero inesperto , che vi assicuro non e' una colpa, non so a quali santi appellarmi. Cerco solo qualcuno che mi faccia un buon lavoro in tempi "decenti " e magari ad un prezzo ragionevole.Grazie.U.Gandolfi

gandolfi
gandolfi

Io al momento vivo in Scozia e sto completando un corso universitario in web development. Qui c'é davvero un'altra mentalità , ma sono sicura che questa é stata costruita dallo scambio tra professionisti, che sono riusciti a imporre degli standard qualitativi davvero notevoli.
Ciao sarei interessato ad avere qualche informazione sul corso stai frequentando e in generale avere qualche informazione sull'esistenza di corsi professionali in web development in italia (magari, ma come ho già  detto precedentemente non mi sembra che ci siano) ma anche in europa. Se potreste darmi qualche informazione a nemesis.design[at]libero.it ve ne sarei infinitamente grato.

Nemesis Web Design
Nemesis Web Design

Come possiamo fare? Voi di HTML.it potreste fare molto, credo. Per esempio aprendo una sezione dedicata alle aziende, che tratti di problematiche non tecniche (html, php o altro), ma commerciali, contrattuali, di tariffe, del mercato etc...

Francesco
Francesco

Concordo pienamente con l'idea della necessità  di un maggiore scambio tra professionisti del settore. Io al momento vivo in Scozia e sto completando un corso universitario in web development. Qui c'é davvero un'altra mentalità , ma sono sicura che questa é stata costruita dallo scambio tra professionisti, che sono riusciti a imporre degli standard qualitativi davvero notevoli.

Manuel
Manuel

Non tutti gli smanettoni vengono col buco. E soprattutto anche loro hanno diritto di esistere. Se non ci fossero gli smanettoni mi verrebbe più difficile davanti a un cliente spiegare com'é fatto un buon sito e come é un sito che non funziona. Poi, se pensate alla piccola percentuale di utenti e aziende che in Italia usano internet, e alla percentuale ancor minore di chi ha una connessione veloce, e alla percentuale minima di chi fa acquisti on line, ad esempio, ci si accorge che in rete c'é davvero posto per tutti. Il margine di crescita é enorme. Se la concorrenza é tanta, é anche vero che c'é una grossa selezione naturale. Lo smanettone rovina il mercato, é vero, ancora oggi si fa fatica a vendere un buon prodotto al prezzo che merita, ma alla lunga la differenza viene fuori, e la selezione naturale é spietata. Ma mi piacerebbe, e sarebbe importante, che chi si occupa di web in maniera professionale tenesse presente queste cose e sia un po' meno geloso del proprio lavoro. O almeno che si lavori tutti insieme perché il web sia più accessibile a tutti, contribuire a che la gente comune ci creda in massa, aumentare le utenze, convincere un negoziante comune che la sua presenza in rete é importante.

mauro
mauro

I cosidetti "smanettoni" forse...si occupano di altri aspetti e normalmente non sono molto interessati al web,ma piuttosto al pc in se. L'esempio dell'idraulico e' davvero singolare... quantomeno perche' normalmente un clinete sa cos'e' un idraulico e ancora di piu' cos'e' un cesso che richiede manutenzione em em..... Quanto ai 20 euro (curiosamente qui e' stato riportato un esempio diametralmente opposto...) ognuno segue la sua logica...e io sospetto subito di un idraulico che mi chiede 2000 euro per occuparsi del mio cesso.... PAGO (e cosi e' stato fatto senza fiatare nell'esempio riportato..) poi quando ho tempo tento di capire di fatto cosa diavolo ha fatto e mi chiedo anche come mai ho fatto cosi fatica a trovarlo se la sua e' una "professione" che puo' rendere cosi tanto. Se scopro che AL DI LA DELLE STRUTTURE CHE POSSONO TRANQUILLAMENTE NON ESSERE NE NECESSARIE, NE PREVISTE DA ALCUNA REGOLAMENTAZIONE SPECIFICA,se non quelle fiscali....E NON MI BASTANO DI SICURO essendo semplicemente OVVIE, il professionista "ha fatto cio' che con due dritte avrei potuto fare tranquillamente io",e qui ovviamente come qualsiasi esempio non puo' essere preso alla lettera.... deduco che quell'idraulico e' prima di tutto UN RETTILE E POI ANCHE UN PESSIMO PROFESSIONISTA. Tra l'altro qui mi pare che l'argomento sia web designer.... "una", ma non certo la sola tra le figure importanti ,ma non necessarie, per fare web anche a livelli di produzione.

uruk
uruk

Gli smanettoni esistono, non tanto perché ci sia una libera circolazione di tutorial e manuali, quanto perché costa molto poco mettersi irregolarmente in affari (un pc, programmi pirata, niente ufficio, niente strutture, niente di niente). Se i veri professionisti collaborassero di più fra loro per stabilire standard qualitativi e di prezzo, sarebbe più facile far capire ai committenti il valore del lavoro. Se un indraulico vi stura il cesso per 20 euro non sospettate che ci sia qualcosa sotto?

Francesco
Francesco

concordo con Francesco, purtroppo ci sono persone, conosciute come "smanettoni", che svendono le competenze che non hanno. E dipende molto dal cliente. A chi non ha cultura informatica e di tecnologia non sa nulla é possibile vendere di tutto. In Italia ci sono corsi universitari che preparano al multimediale ed audiovisivo, o meglio, "infarinano". L'uni di Ferrara ha un corso a distanza (-2 esami adesso) comodo per chi come me lavora a tempo pieno da 10 anni nel settore

simone
simone

Confermo entrambe le cose: Da una parte ci sono committenti che non sanno nulla e credono di sapere tutto. Ti fanno notare che ti fanno un favore a chiamare te perché, se volessero, potrebbero trovare tutta la gente che vogliono che fanno lo stesso lavoro per la metà  (un quarto, gratis....). Dall'altra, ci sono professionisti che dicono di sapere tutto, non sanno nulla, e fanno pagare carissimo qualunque stupidaggine che ti propongono (non che fanno che é altra storia). In mezzo i disgraziati che cercano di lavorare con un briciolo di criterio.........

ratamusa
ratamusa

L'imput di Gaetano e' oro colato.... A me cinque anni o sei anni fa e' capitato di pagare 600.000 lire (tra l'altro ero anche convinto di essere stato trattato con i guanti...) una "messa in rete con tutta la procedura necessaria per registrare un dominio...ect.ect." di QUATTRO PAGINE QUATTRO in "puro" html . Questo dopo aver chiesto una "mano" non gratuita a un "professionista" che non si era nemmeno degnato di prendere in considerazione i 30 minuti massimo necessari per "realizzare il progetto". Conservo ancora accuratamente la cartella con tutti i file necessari allo "sviluppo del progetto" che tra l'altro....erano tutti degli obbligati. A me servivano due cose essenzialmente: dominio e html per "metterli assieme e pubblicarli". Faceva parte (il "sito" )tra l'altro di un progetto umanitario che mi assorbiva davvero parechio tempo. La missione si compi nel migliore dei modi e cosi tornai in proprio sull'argomento..... Grazie alla rete ,proprio come per Gaetano, MA ANCHE PER IL 99% DEI "PROFESSIONISTI" DEL SETTORE.....e ad UN INVESTIMENTO DI TEMPO NOTEVOLISSIMO che continua entusiasticaamente, in questi anni ho potuto depennare dall'elenco delle amicizie un paio di pesi morti (chi saranno? ) e mi e' capitato di osservare anche molte situazioni del tutto analoghe alla mia esperienza. In due parole grazie alla "fregatura" assoluta che mi e' stata rifilata da un "professionista" da discarica oggi ,e a dire il vero da un po' di piu' di oggi....ho invertito i ruoli e uso con il cliente la tecnica del coinvolgerlo il piu' possibile con la gestione del sito e sin dalle prime, assolutamente facili mosse... Normalmente dopo sei mesi il cliente impara a valorizzare nel modo giusto il lavoro ed e' contentissimo di riconoscere il logico. Non solo.....e' anche in grado di capire se cio' che paga e' in linea con il proprio concetto di lavoro,e questo alla fine e' cio' che conta di piu'. Per l'arte e la magia c'e' sempre tempo.....

uruk
uruk