La soluzione arriva dagli ingegneri di Dell e sfrutta il BIOS per assegnare i nomi ai dispositivi; sfortunatamente la nuova denominazione è incompatibile con quella a cui siamo abituati: il prefisso eth viene infatti sostituito da em.

Pur trattandosi di una funzionalità tagliata su misura delle esigenze dei sistemi enterprise, le sue implicazioni interesseranno tutti quei componenti che fanno riferimento ai dispositivi di rete e, in minima parte, anche agli utenti desktop.

Per ovviare ai possibili problemi non è da escludere l´implementazione di un sistema di link simbolici, utile soprattutto nel caso di sistemi con una singola scheda di rete (come buona parte dei PC).

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *