Il termine "Big Data" esiste da molto tempo prima che l'IoT vedesse la luce. Infatti quando le informazioni dimostrano le caratteristiche di veridicità, velocità, varietà e volume, allora esse vengono interpretate appunto come Big Data.

Il concetto di IoT (Internet of Things) abbraccia un enorme bacino di device e piattaforme che in questi decenni sono diventati "smart" (orologi, macchine, frigoriferi, lavatrici, ecc). Di base questi prodotti sono sempre connessi alla Rete e sono capaci di raccogliere enormi quantità di dati tramite i sensori in loro integrati, che vengono utilizzati per raccoglierei informazioni riguardanti le performance del device e le abitudini dell'utente.

I dati raccolti dai dispositivi IoT vanno quindi a comporre i Big Data, elaborati per ottenere informazioni e strategie che vengono utilizzate da un un'azienda per migliorare l'esperienza utente e le performance commerciali di un prodotto. Dunque tramite i device IoT, le relative piattaforme, e i Big Data è possibile realizzare un costante flusso di analisi.

I Big Data sono estremamente facili da collezionare anche grazie alle tecnologie per il Cloud Computing ormai molto diffuse a costi contenuti. Entro il 2020 si prevede che verranno venduti ben 20 miliardi di device IoT, attivati ed utilizzati quotidianamente essi andranno a creare un'immensa rete di Big Data, e dunque di informazioni, costantemente scambiate ed analizzati.

È possibile reperire diversi esempi in cui IoT e Big Data permettono alle aziende di realizzare qualcosa di utile. Ad esempio nella gestione dell'attività fisica e nel controllo della salute. Esistono decine di applicazioni e piattaforme software a basso costo per poter stare sempre aggiornati sulla propria condizione fisica.

Esistono poi interi settori dell'economia che hanno beneficiato enormemente dalle applicazioni IoT/Big, come nel settore agricolo con l'impiego di piccoli sensori nelle culture (device IoT) e l'analisi dei dati da essi raccolti (Big Data) che hanno permesso un incremento della produttività non indifferente, ottimizzando i consumi e il ricavato della stagione.

Via Savaram Ravindra

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *