Grazie all'introduzione del tipo di dato JSONB gli utilizzatori di PostgreSQL non avranno più la necessità di scegliere tra data store relazionali o meno, questo perché essi saranno disponibili simultaneamente; il nuovo data type permette di utilizzare GIN (Generalized Inverted Indexes) per le query di ricerca, consente l'integrazione di document data con i table data e da la possibilità di estrarre e manipolare dati JSON con lo stesso grado di efficienza che si avrebbe operando con le basi di dati orientate ai documenti.

La scelta di fornire il tipo di dato JSONB non sarebbe stata casuale, essa infatti risponderebbe all'esigenza di proporre PostgreSQL come strumento di lavoro per gli sviluppatori JavaScript alla ricerca di una soluzione per l'archiviazione e il supporto per l'interazione nativa con dati JSON.

Per quanto riguarda la scalabilità, con la versione 9.4 viene introdotta una nuova API, un'interfaccia per la programmazione con funzionalità di filtro finalizzata alla lettura e alla manipolazione dello stream di replicazione; si tratta della stessa API alla base delle più recenti funzionalità per la replication, come per esempio la replicazione bidirezionale per la definizione di cluster multi-master.

Grazie all'ultimo aggiornamento del Database engine gli indici GIN dovrebbero subire una riduzione pari alla metà dello loro dimensione precedente garantendo una velocità triplicata, garantire un caricamento più rapido della cache in riavvio e supportare le hugepages di Linux per i server dotati di ampia disponibilità di memoria.

Via PostgreSQL

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

questa si che è una notizia, dovrò mettermi a rispolverare postgres! :-)

seralf
seralf