Nello specifico, la colorazione della sintassi è stata migliorata in modo da supportare un maggior numero di costrutti, la type inference (cioè la rilevazione del tipo all'interno di un'espressione) e le specifiche per PHPDoc; la versione 7.0 presenta anche un ulteriore lavoro di implementazione a carico delle soluzioni disponibili per il debugging e il testing, come per esempio lo Smart Step-Into (che consentirà di modificare le funzioni "al volo") e PHPUnit.

Molti gli strumenti integrati nativamente in PhpStorm 7.0, tra di essi Vagrant per la realizzazione e la configurazione di ambienti virtuali per lo sviluppo, la compatibilità con Google App Engine per PHP, una console SSH con strumenti per la gestione remota, un terminale locale e il supporto per alcuni altri tool basati sulla linea di comando, come per esempio quelli dedicati a Zend Framework 2 o basati sul componente console di Symfony.

Ma l'ultimo upgrade dell'IDE include anche novità dedicate ai framework e ai plugin tra cui il supporto nativo per il CMS Open Source Drupal e le estensioni di terze parti per Symfony; da segnalare anche l'inclusione di nuovi template JavaScript nonché il supporto per i Web Components, il CSS Authoring Framework Compass, l'ambiente server side basato sull'engine JavaScript V8 Node.js e il debugging in JavaScript.

Via PhpStorm 7.0

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *