In sostanza Blaze si pone come una via di mezzo tra l'offerta "monolitica" di strumenti per la realizzazione di interfacce front-end come per esempio Bootstrap, ma anche Foundation o UIKit, e librerie minimaliste tra cui Skeleton o Milligram. Blaze è stato concepito per garantire il massimo controllo possibile su tutte le componenti che partecipano alla formattazione di un layout, i vari moduli disponibili verranno integrati tramite una procedura di opt-in soltanto su richiesta dello sviluppatore.

Blaze funziona sulla base di componenti isolate con un importante vantaggio per quanto riguarda la gestione del payload. Realizzato sulla base di un approccio mobile first consente di generare strutture responsive che potranno essere utilizzate come punto di partenza per qualsiasi progetto di Web design; l'obbiettivo è quello di rendere più rapida la definizione e l'applicazione delle regole di stile, anche tramite l'impiego di variabili e mixins.

L'installazione di Blaze potrà essere effettuata tramite bower o npm, in alternativa si può ricorrere ad un CDN per l'inclusione della libreria minificata da remoto:

In alternativa è possibile richiamare singolarmente ciascun modulo includendo unicamente a quelli utili per il progetto corrente:





.... 

Come anticipato Blaze non applica automaticamente alcuno stile, questo significa che l'utilizzatore può applicare le classi alle sole componenti di un'interfaccia che si desidera formattare attraverso il framework.

Via Blaze CSS

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *