Ecco perché la community che ruota intorno alla Raspberry Pi si è organizzata, realizzando delle guide per eseguire il boot di Raspbian, la distribuzione Linux sviluppata dalla Raspberry Foundation, da una periferica USB. L'articolo di oggi è dedicato proprio a questo e la procedura per far avviare Raspbian da un disco USB è abbastanza semplice.

Andiamo con ordine, prima di tutto formattiamo una microSD e un disco USB in formato fat32.

Fatto questo eseguiamo il flash del file ISO di Raspbian sul disco USB usando dd oppure tool come Rufus se siamo su Windows. Una volta eseguito il flash montiamo il disco USB e copiamo tutti i file al suo interno dentro la scheda microSD precedentemente formattata. Ora si dovrà modificare la Root Source, ovvero la posizione dove il sistema andrà a cercare i file che servono per eseguire ed avviare il sistema operativo.

Apriamo dunque la scheda microSD e cerchiamo un file chiamato cmdline.txt. Una volta trovato apriamolo e modifichiamo questa riga:

root=/dev/mmcblk0p2

in questo modo:

root=/dev/sda2

Adesso inseriamo la microSD ed il disco USB nella Raspberry Pi e colleghiamolo alla rete elettrica per eseguire il boot. Finito il processo di avvio/installazione sarà possibile espandere il File System cosi da poter avere accesso a tutto lo spazio presente sul disco USB, dunque prima di tutto eseguiamo il login su Raspberry:

ssh pi@yourrasperrypi

Di solito per espandere il file system è possibile usare il raspi-config tool, ma per eseguire tale operazione sul disco USB dobbiamo agire manualmente utilizzando il tool fdisk:

sudo fdisk /dev/sda

Avviato fdisk chiediamogli di listare le partizioni premendo il tasto [P], dovrebbero essercene solo due. Prendiamo nota dello Start size e dell'End size e proseguiamo con l'eliminazione delle partizioni esistenti:

  • Premiamo [D] e poi il numero di partizioni da eliminare, nel nostro caso 2.
  • Ora premiamo [N] per creare la nuova partizione.
  • Premiamo [P] per impostarla come primaria.
  • Inseriamo lo Start size per la partizione annotato precedentemente e poi facciamo lo stresso con l'End Size.
  • Riavviamo il Raspberry con un: sudo reboot.
  • Una volta riavviato diamo lanciamo comando effettivo per il resize: (sudo resize2fs /dev/sda2).

Fatto questo avremo accesso a tutto lo spazio del disco USB e potremo sfruttare a pieno Raspbian e la Raspberry Pi senza preoccuparci del disk I/O della microSD.

Via Chris Shaw

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *