A dimostrazione della concezione moderna e nuova che Chrome OS cerca di portare nel settore va anche sottolineata la ricerca di "svincolare" l´utente e l´archiviazione dei propri dati dal classico hard disk: d´ora in poi i documenti e i file più comuni saranno salvati direttamente online, proprio seguendo la tendenza che vede nel cosiddetto "cloud computing" il futuro dell´informatica.

In base a un tale "minimalismo", riguardo il software realmente installato sulla macchina, non è molto sorprendente che il caricamento del sistema operativo richieda tempi di avvio record, con meno di una decina di secondi di attesa prima di poter usare il PC.

Caratteristiche assolutamente interessanti ma che, a quanto pare, non arriveranno subito sul mercato. Chrome OS sarà infatti disponibile fra un anno e soprattutto, è questa una delle notizie più sorprendenti, non sarà un sistema operativo installabile su tutti i PC già in vendita, in quanto, con una mossa un po´ a sorpresa, Google ha deciso che il suo sistema sarà installato soltanto su macchine prodotte da aziende con cui la casa americana stringerà precisi accordi.

Molto probabilmente quindi Chrome OS si troverà preinstallato su netbook e i nettop che costituiscono una specifica nicchia di mercato, seppur il loro successo sia sempre più in aumento. Una scelta apparentemente limitativa ma che forse si inquadra con una certa logica se si valuta la forte vocazione "Web-based" del nuovo arrivato, un orientamento probabilmente che troverà proprio in questa fascia di prodotti il suo terreno ideale.

Infine possiamo dire che Chrome OS farà sicuramente discutere non poco e attirerà di certo l´attenzione di tutti. Il concetto su cui si basa potrebbe rappresentare la base su cui saranno pensati i computer e i programmi del futuro, con il software installato sulla macchina che diventa semplice interfaccia per la Rete: se vista così è una rivoluzione vera e propria, non c´è che dire.

Ma ciò nonostante, è difficile azzardare come il mercato lo accoglierà, sarà veramennte un sistema operativo rivoluzionario? Sarà una scelta giusta quella di limitarne l´ambito di riferimento ad una fascia di pubblico ben preciso? Difficile dirlo, solo il tempo dirà se Google, anche stavolta, avrà visto lontano.

[nggallery id=83]

[youtube 0QRO3gKj3qw]

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *