SSH è un protocollo che è stato pensato per essere sfruttato unicamente da shell e gli utenti alle prime armi potrebbero avere la necessità di un'interfaccia più familiare, inoltre per determinati task l'uso di una GUI risulta essere più immediato.

EasySSH permette di creare e gestire vari profili di accesso a postazioni con demone di SSH avviato. Cosi facendo non sarà necessario digitare ogni volta l'utente e l'hostname/IP per connettersi al terminale desiderato, basterà cliccare sull'account precedentemente impostato.

Installarlo su Ubuntu è abbastanza semplice, sono infatti disponibili dei comodi pacchetti flatpak, formato sviluppato dal team di Red Hat. Se già non l'abbiamo fatto installiamo il necessario supporto a flatpack:

sudo add-apt-repository ppa:alexlarsson/flatpak   
sudo apt update
sudo apt install flatpak
sudo apt install gnome-software-plugin-flatpak
flatpak remote-add --if-not-exists flathub https://flathub.org/repo/flathub.flatpakrepo

Dopo aver terminato questo processo si consiglia di uscire e rientrare dalla sessione corrente o di riavviare il sistema, cosi da rendere operativo il supporto a flatpak. Fatto questo possiamo finalmente installare EasySSH:

sudo flatpak install flathub com.github.muriloventuroso.easyssh

Terminata l'installazione di EasySSH sarà possibile trovarlo nella lista dei programmi di Ubuntu. Una volta avviato si potrà notare come la sua interfaccia permetta di dividere i nostri account in vari gruppi, cosi da poter semplificare la loro gestione. Si tratta di una feature utilissima, sopratutto in un ambiente di lavoro dove evita di confondere i vari gruppi di server o di postazioni.

Si possono anche preimpostare dei Tunnels, dal pannello "Advanced", cosi da poter definire delle opzioni di accesso ogni volta che ci connettiamo ad un determinato computer. EasySSH dispone di una shell integrata che divide le varie sessioni ssh tab, cosi sarà possibile avere svariate sessioni di SSH tutte racchiuse in questo pratico client.

Ovviamente sarà necessario porre molta attenzione sulla postazione in cui si installa EasySSH, dovendo salvare al suo interno le nostre credenziali d'accesso è infatti necessario valutare il livello di sicurezza garantito dalla macchina di destinazione.

Via EasySSH

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *