Creato e supportato dalla fondazione Mozilla, Rust è nato con l’obiettivo di offrire le stesse performance dei linguaggi compilati in maniera nativa (come C o C++) garantendo un livello di sicurezza superiore, una via di mezzo tra quanto possibile con il suddetto codice nativo e le restrizioni imposte dal codice interpretato di tecnologie come l’onnipresente JavaScript.

Le prestazioni del software scritto e compilato in Rust dovrebbero essere le stesse delle applicazioni C++; diversamente dallo storico linguaggio nativo, però, la nuova proposta di Mozilla si incarica di limitare i potenziali errori nella gestione della memoria con una funzionalità di tracciamento della “ownership” dei singoli blocchi a oggetti.

Rust 1.0 non è ovviamente il primo tentativo di pensionare C, C++ e compagnia con qualcosa di più sicuro e di altrettanto performante, anche se C e C++ sono a tutt’oggi ecosistemi di sviluppo estremamente popolari. Una possibile carta vincente per il tentativo di Mozilla è però Servo, layout engine di nuova generazione che la fondazione americana vorrebbe implementare in una versione futura di Firefox.

Via | Ars Technica

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *