Cameyo, questo il nome del servizio, ha recentemente aggiunto la possibilità di caricare le applicazioni per sistemi Windows all’interno del suo ambiente virtualizzato: il software disponibile pubblicamente agli utenti include prodotti (gratuiti e/o Open Source) molto popolari come 7-Zip, VLC media player, la virtual machine di Oracle, Skype, Spotify UltraISO o addirittura Firefox e Chrome per un’autentica esperienza “browser nel browser” in stile Matrix.

Trattandosi di una vera e propria virtual machine nel browser, con Cameyo ci sono ovviamente dei limiti nell’uso del software: le performance lasciano a desiderare, l’accesso al file system locale è sostituito dal supporto per lo storage on-line dell’utente su Dropbox e lo stato di aggiornamento delle applicazioni è variabile.

Di sicuro interesse è invece la possibilità, per l’utente, di caricare on-line e utilizzare il proprio software preferito, un possibilità che necessita della registrazione di un account sul servizio e della disponibilità del succitato storage Cloud di Dropbox.

Via | Lifehacker

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *