Alcuni sanno dellÂ’importanza della descrizione che un sito ha sulla SERP, in relazione al traffico. Molti sono convinti che i navigatori facciano click sui link proposti dai motori, secondo l’ordine dell’elenco, in realtà  le ricerche condotte hanno stabilito che molti guardano, seppur brevemente, le descrizioni e non sempre il primo sito è quello che ha maggior traffico.

Da anni, quindi, tento di far sì che sulla SERP per le chiavi importanti le mie pagine abbiano una descrizione attrattiva.

Col mio ultimo blog, mi sono ritrovato a fare un passo avanti. Invece che mettere una descrizione, ho fatto sì che comparisse un vero e proprio messaggio. Non posso più mostrarlo, ma era fatto così (a fronte della ricerca di scamone):

Scamone: ricerca infinita

Ehi tu! Sì, dico a te che hai appena ricercato SCAMONE. Avrei una domanda da farti…

Le visite provenienti da questa SERP sono crollate! Il navigatore leggeva, non era di suo interesse, non seguiva il link.

Evviva! Voi vi chiederete perché io sia contento. Lo sono, perché ho instaurato tramite il motore una comunicazione con il navigatore prima ancora che entrasse nel sito. Poco importa che cià provocasse la sua decisione di non seguire il link. La cosa importante è che lui leggeva.

La controprova è stata che variata la descrizione e fattala diventare quella attuale, le visite sono riprese.

Scamone: indicazioni

Informazioni sulle caratteristiche dello scamone e consigli su come impiegarlo nel migliore dei modi in cucina.

Pensate alle possibilità . Potete dare comunicazioni al navigatore, anche se lo stesso non viene a vedere il sito. Facendo molte pagine, per le chiavi che vi interessano, potete inviargli messaggi che seppur apparentemente ignora, in realtà  anche se solo di sfuggita, vede.

La cosa potrebbe funzionare anche allÂ’inverso.

Come ho scritto sul blog, qualcuno ha usato il motore per inviare un messaggio a me. Qualche navigatore, infatti, ha fatto la ricerca di “fradefra è uno scamone”, ha cercato una mia pagina tra le SERP ed ha seguito il link. Cià ha lasciato tra i miei log il referer con la chiave, ben evidenziata poi dalle statistiche di accesso.
Addirittura oggi, mi sono ritrovato un “fradefra sei un grande”. Ok, lasciamo perdere il contenuto, che ovviamente sarà  il simpatico scherzo di qualche amico. Cià che voglio dirvi è che il motore è stato usato come veicolo di messaggi, in un senso e nellÂ’altro.

Si aprono nuove prospettive di comunicazione? Solo uno scherzo senza futuro?

Che ne dite?

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
8 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

>>Solo uno scherzo senza futuro? Scherzi? Naturalmente si :) Quando qualcuno mi chiede quanto importante sia il meta description in genere gli dico: zero per il posizionamento, moltissimo per le visite/conversioni. Soprattutto quando le serp sono sature e presidiate da tutti i player di quel settore. Hai pochi attimi per convincere il visitatore a cliccare sul tuo sito invece che su quello sopra o sotto. Perché sprecare l'occasione, con tutto il lavoro che ti é costato? Uno snippet generico, tratto da dmoz o peggio una insalata di kw senza costrutto possono letteralmente invalidare un buon posizionamento. Faccio un esempio pratico e recente. Cliente evoluto ma orientato al puro posizionamento, in un settore dove scorre sangue e dove i posizionamenti valgono oro, dove i log di una settimana hanno bisogno di un dvd. Il cliente presidia da anni la gold position (1-5) per quasi tutte le kw possibili (centinaia: prodotto località ). E' soddisfatto, ma percepisce che porebbe esserci altro da fare a cui non ha pensato. Infatti il meta description non c'é e in snippet appaiono pezzi di body legati da puntini. L'effetto é deprimente: "kw e località  e kw.... stessa kw e località  e kw e kw". Sembra uno spam engine. Rapido intervento: regole automatiche per le description in cui ricorra la kw, la località , il punto di forza aziendale e una call to action. Ovviamente nessun miglioramento dei posizionamenti, ma una curva di aumento delle visite molto marcata, inequivocabile, e un aumento dei tempi di permanenza e di pagine viste. Uno snippet attrattivo fa la differenza, eccome! Ciao, a presto.

pieropan
pieropan

"Fino ad ora questo tipo di messaggi venivano inseriti nei risultati a pagamento di AdWord, ma mai nessuno ha prestato particolare attenzione per proporli anche nelle normali ricerche naturali." Davide: "mai nessuno" mi pare esagerato ;) Fradefra: sei un grande :)

Ste
Ste

In effetti il dito ti sara' pure scivolato...ma con il secondo post non e' che hai fatto di meglio...tutt'altro, te lo garantisco. Se ricapiti da queste parti prova ad andare sul tuo blog...manca forse una "i" sul link?Pero'! Dammi retta...parla come mangi e non ti immischiare in faccende che son piu' grandi di te... Leo

leofire
leofire

Eh già , mi é scivolato il dito sul tasto (avevi intuito anche questo?) e lì sopra compare in qualche modo la mia e-mail invece dell'indirizzo web... se mi fai la cortesia di cancellare il post. Comunque é vero che la description ha molto impatto sulla comunicazione: io la uso da tempo in quel senso. Apprezzo i tuoi tentativi di intuire il comportamento dell'utente, anche se qui in Italia queste ipotesi non raccolgono molti proseliti. bye

stepius
stepius

..."fradefra sei un grande"... per davvero. Quello che dici lo condivido pienamente, si possono utilizzare le descrizioni che Google fornisce nelle SERP per proporre messaggi persuasivi e creativi. Fino ad ora questo tipo di messaggi venivano inseriti nei risultati a pagamento di AdWord, ma mai nessuno ha prestato particolare attenzione per proporli anche nelle normali ricerche naturali. Da appronfondire questa idea.

Davide Ardizzoia
Davide Ardizzoia

Da tempo ho avuto conferma di quanto affermi. Un mio amico fa delle ricerche con google per arrivare al mio blog. Gli basta inserire la parola "escrementi", che ho usato un paio di volte, ed un'altra che sicuramente é presente nel blog, metterla in una frase pittoresca che inventa ed arriva al mio blog. Poi io, controllando le statistiche di accesso, trovo la bella frasetta e lo minaccio...

Daniele
Daniele

Oltre che a quotare doverosamente Pugia, secondo me hai avuto un ottima intuizione, quindi la chiave di ricerca ti può anche dare un feed-back dagli utenti di quello che pensano sul tuo sito o servizio. Miticcco

Dar1one
Dar1one

Secondo me devi cambiare spacciatore... :D

Pugia
Pugia