Lasciando da parte il mobile (che obbedisce a leggi sue), il terreno di battaglia adeguato per lo scontro è quindi l´ambito server (proprio quello in cui Linux riesce meglio, assieme all´universo super-computer).

E qui FreeBSD risulta assai apprezzato: ma quali sono le differenze? Perché si potrebbe scegliere FreeBSD in luogo di Linux?

Premettendo subito che, dai benchmark effettuati dal celebre Phoronix, Linux risulta sempre vincente (idem vale per Debian GNU/kFreeBSD, che usa il kernel FreeBSD su suo userland), elencherò qui di seguito alcune ragioni degli estimatori di FreeBSD, non necessariamente nell´ordine di importanza.

  • FreeBSD ha una licenza "più libera" che quella di Linux e permette agli sviluppatori di includere codice con licenza BSD senza vincoli;
  • FreeBSD utilizza l´avanzatissimo filesystem ZFS e possiede Dtrace, mentre Linux possiede "solamente" EXT e Btrfs;
  • FreeBSD è coerente e non frammentato come Linux: il team di FreeBSD infatti costruisce tutto il sistema operativo e non fornisce solamente il kernel ("vestito" poi dalle varie distribuzioni).

Ma arriviamo ora al piatto forte:

E voi, da che parte state?

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *