Ora lo sviluppo di Firefox verrà suddiviso in questo modo:

  • ramo nightly: contenente tutte le feature sperimentali che sono in attesa di entrare nella fase di betatest;
  • ramo beta, ovvero le build un po più "stabili" delle nightly, su cui si baserà la Developer Edition di Firefox;
  • ramo stabile, le versioni dedicate agli utenti finali e quindi definitive.

Senza la necessità di realizzare una build che faccia da "ponte" tra il canale beta e le nightly, come accadeva appunto con Aurora, gli sviluppatori Mozilla dovranno gestire un carico di lavoro decisamente più snello. Dal 18 aprile il canale Aurora non sarà quindi più aggiornato e, nel giro di sei mesi, verrà completamente rimosso.

Questo canale era stato introdotto nel corso del 2011 per offrire nuove feature in modo più veloce senza però rinunciare ad una certa dose di stabilità, creando dunque un ramo simile al concetto di "rolling release" che permetteva ai developer della Mozilla di ottenere più feedback dagli utenti rispetto agli altri rami.

Oggi le cose sono cambiate e le versioni di Firefox vengono rilasciate molto più velocemente rispetto a quanto accadeva in passato (un po' come succede ad un progetto concorrente quale Google Chrome) dunque la funzione del canale Aurora è venuta a mancare. In modo da allineare le varie release, e garantire meno disagi possibili all'utenza, Firefox 54 verrà spostato direttamente nel ramo beta, mentre Firefox 55 resterà nel canale nightly per un po più di tempo del normale periodo di permanenza in questa fase.

Via Mozilla

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *